Violenza sulle donne. Il diritto di denunciare: regole certe firma ora

Alla Ministra Guardasigilli Prof. Paola Severino
Alla Ministra dell’Interno Dott. Annamaria Cancellieri
Il diritto di denunciare: regole certe
La denuncia, se si è vittime di violenze perché donne, è il primo passo per godere delle libertà costituzionali. Gli ostacoli e le diversioni che dissuadono le vittime, nell’accedere a questo primo indispensabile passo, sono ancora ricorrenti nei luoghi deputati alla tutela del diritto.
Insieme ai pregiudizi e alle sottovalutazioni culturali, la scrittura disarticolata ed ambigua delle regole continua ad essere complice del femminicidio.
La violenza degli uomini sulle donne, in casa, sul lavoro, per le strade, nelle scuole è un crimine che con cadenza annuale viene enumerato, mostrato e svelato, pur considerando i dati frutto di una sottostima. Da oltre trent’anni indichiamo ai Governi soluzioni certe per il contrasto alla prima causa di morte precoce per le donne ed ostacolo alla realizzazione dei diritti umani.
La reiterazione dei reati con la stessa o con più vittime e la diffusione di comportamenti proprietari nel genere maschile, nonostante la forte rilettura in chiave politica delle responsabilità nel femminicidio imposta dal movimento delle donne, mostrano che l’inadeguatezza delle regole invalida ogni cambiamento culturale

Il testo unico di Pubblica Sicurezza, all’Art. 1, recita “per mezzo dei suoi ufficiali, ed a richiesta delle parti, provvede alla bonaria composizione dei dissidi privati”, definizione che si presta a controverse interpretazioni e che certamente induce a comportamenti contrari al diritto delle donne di accedere alle vie giudiziarie per la tutela della propria salvaguardia, esponendo tutte ai rischi noti e meno noti.

Di fronte all’inerzia parlamentare nell’adeguare le leggi Italiane così come indicato dalle risoluzioni Europee, sollecitiamo l’intervento autorevole delle Ministre alla Giustizia e agli Affari Interni, perché sia data chiara indicazione dell’inapplicabilità, a qualsiasi titolo, di azioni “di mediazione o composizione” exgiudiziale di fronte ad eventi familiari e relazionali per i quali la vittima ha ritenuto di dover ricorrere alla forza pubblica o per i quali di questa sia richiesto l’intervento. Indichino inoltre, detti Ministeri, l’obbligo contestuale di fornire dettagliata informazione, alla vittima, dei diritti e delle provvidenze di sostegno alle quali può accedere per un efficace percorso legale.
Le Promotrici Udi di Napoli e DonneSudonne

Le sottoscritte
Giorgia De Gennaro, Udi di Catania, Udi Lentini, Udi di Pescara, Udi Reggio Calabria, Udi di Bologna, Clara Pappalardo (Arcidonna-Centro Antiviolenza del Comune di Napoli AURORA), Alessandra Valle, Elisabetta Riccardi e Simona Molisso (sportello Antiviolenza Le Kassandre), Lella Palladino e il Centro Eva (Maddaloni-CE), Chiara Guida, Patrizia Palumbo e Fortuna Varuni (Dream Team), Teresa Coppola (Sportello Antiviolenza Spazio Aspasia), Laura Capobianco, Simona Ricciardelli, Elvira Reale (ass. Salute donna), Carla Pecis, Marianna Panico (ass. Ernesto Rossi), Elena Coccia (Consigliera Comunale), Caterina Pace (consigliera provinciale di Napoli), Alisa Del Re (direttora CIRSPG Università di Padova), Liana Novelli ( Donne Italiane in Europa), Angela Cortese (Consigliera Regionale in Campania), Associazione Maddalena (Napoli), Enza Turco, Annamaria De Crescenzo, Clarissa Campodonico, Lalla Cantatore, Agnes Berta , Isabella Bonfiglio (UIL), Piero Brilla, Brunella Severino (bn), Rosanna di Bari, Luigi Amato (legale rappresentante SAGAN), Rosanna Fucarino e Massimo Scuotto, Giuliana Cacciapuoti,Associazione Viva124, Arcilesbica Napoli”Le Maree”, Teresa Potenza (CGIL NA), Rosalba Cenerelli (CGIL NA), Valeria Valente (PD), Rosangela Pesenti (Bergamo), Aurelio Caruso

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
48 / 100

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

UDI DonneSudonneDa:
Giustizia, diritti e ordine pubblicoIn:
Destinatario petizione:
Alla Ministra Guardasigilli Prof. Paola Severino, Alla Ministra dell’Interno Dott. Annamaria Cancellieri

Sostenitori ufficiali della petizione:
UDI Napoli, Ass.ne DonneSudonne Napoli

Tags

diritto a denunciare, regole certe, stop femminicidio

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets