Un Sonoro NO a: Discariche, Inceneritori, Gassificatori. Perché l'Alternativa Esiste!!! firma ora

Signori e Signore,

sotto mentide spoglie, e lasciando allo scuro la maggioranza della popolazione, la Regione Campania, la Provincia e i Comuni - area Domitio-Flegrea, area Nolana, area Acerrana, area Nord, area Metropolitana, area Penisola Sorrentina, are Vesuviana- hanno avviato la progettazione (Decreto Presidente Giunta regione Campania n.85 del 14.04.11) ed è prossimo al conseguente avvio procedure di gara per la realizzazione di :

1. Ulteriori Discariche individuate anche tra le cave abbandonate o dismesse.

2. Tre Termovalorizzatori, sono Inceneritori : la combustione genera particelle altamente tossiche, tra cui la diossina, cheché se ne dica altamente nocive. http://www.tumori.net/it/brochures/documenti/Studio%20Invs-Traduzione.pdf.

Questa è solo una delle ricerche effetuate a riguardo, noi abbiamo il dovere di eliminare tutto ciò che nuoce alla nostra salute e soprattutto a quella dei nostri figli.

Inoltre, nei fatti, l'incenerimento può generare logiche speculative alternative alla raccolta differenziata: lo dimostrano pressioni politiche e tangenti scoperte.

Una considerazione importante riguarda gli investimenti necessari per realizzare i termovalorizzatori, sono ovviamente molto elevati (il costo di un impianto in grado di trattare 421.000 t/anno di rifiuti è valutabile in circa 375 milioni di euro, cioè circa 850-900 € per tonnellata di capacità trattatabile

ALTERNATIVA.

Obiettivo. RIFIUTI ZERO.

Fase 1. RIDUZIONE ALLA FONTE( es. detergenti alla spina, prodotti sfusi, vuoto a rendere, acqua potabile gratuita)

Fase 2. RACCOLTA DIFFERENZIATA, separazione rifuti al momento. L'unico sistema che permette di arrivare rapidamente al 65%-85%

- SAN FRANCISCO, 808.976 abitanti. 67% DIFFERENZIATA- OBIETTIVO: RIFIUTI ZERO.

- FIANDRE, 6.043.161 abitanti.70% DIFFERENZIATA

Fase 3. RICICLO E COMPOSTAGGIO. I material separati e raccolti vengono avviati alla filiera del riciclo per produrrenuovi oggetti e materiali; l'organico trattato negli impianti di Compostaggio per produrre profumato fertilizzante.

Fase 4. TRATTAMENTO MATERIALE NON RICICLABILE. Si può trattare senza incenerire!!! I rifiuti vanno tutti in un impianto che effettua una nuova selezione individuando ulteriori prodotti riciclabili e poi, grazie a un sistema naturale di bio-ossidazione (ovvero impiegando batteri e vermi), quello che si mette in discarica non crea più problemi all'ambiente.

Fase 5. OBIETTIVO RIFUTI ZERO. METTERE SUL MERCATO SOLO PRODOTTI RICICLABILI; INNESCARE UN NUOVO SISTEMA LAVORATIVO IMPRONTATO SUL RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA VITA.

http://www.mil2002.org/stampa/050226lr.htm

Paul Connett, quando non insegna chimica e tossicologia alla St. Lawrence Unlversity di New York, gira il mondo per convincere gli amministratori locali delle città di mezzo mondo che si può affrontare il problema dei rifiuti considerandoli delle risorse. Connett, di fatto, sostiene un concetto estremamente semplice: se gli amministratori, le aziende e i cittadini cambiassero mentalità e si preoccupassero di come riciclare i prodotti all'inizio del processo produttivo, si potrebbe arrivare entro il2002 all'obiettivo "Rifiuti Zero". Città come Seattle e San Francisco, o Canberra in Australia, si sono già date quest'obiettivo, aderendo alla sfida lanciata dallo stesso Connett e da Robin Murray, economista della London School of Economics, che sostiene la convenienza economica di questo tipo di approccio. Non bruciare i rifiuti negli inceneritori, quindi, come sostiene il nostro ministro dell'Ambiente: sono poco sicuri e troppo costosi. Ma cercare a monte, tra i rifiuti, il recupero delle materie prime. E per questo non serve tecnologia, ma solo una strategia concertata.
D'accordo, professore, ma allora i rifiuti dove li mettiamo?
Intanto, iniziamo a chiedere alle aziende di produrne meno, riducendo gli imballaggi o non producendo affatto prodotti che non si possano recuperare. E poi iniziamo una seria raccolta differenziata, come hanno fatto a San Francisco, dove sono arrivati al 63% e contano di arrivar al 75% entro il 2010, più del doppio dell'obbiettivo dell'Italia.
Quel che non si recupera va in discarica?
In città come Canberra i rifiuti vanno tutti in un impianto che effettua una nuova selezione individuando ulteriori prodotti riciclabili e poi, grazie a un sistema naturale di bio-ossidazione (ovvero impiegando batteri e vermi), quello che si mette in discarica non crea più problemi all'ambiente. Credetemi, in questa città australiana la discarica non emana cattivi odori e sul suo cielo non ci sono gabbiani che svolazzano. E poi è nato un centro annesso dove sono attive imprese che riciclano sul posto di tutto, dai pneumatici al legno da costruzione. Così la comunità che ha una discarica ne trae anche benefici economici.
Vuol dire che i vantaggi economici sono addirittura superiori ai costi del trattamento?
Due esempi. L'Irlanda con una tassa sui sacchetti di plastica ne ha diminuito l'uso del 90% in un anno guadagnando 12,6 milioni di euro destinati al riciclaggio. La Xerox recupera vecchie fotocopiatrici da 16 Paesi europei: riutilizzando le parti o riciclando i materiali, finisce nel rifiuti solo il 5% della macchina. Soltanto nel 2000, quest'operazione ha fatto risparmiare a11'azienda 76 milioni di dollari.
D'accordo, professore, ma allora i rifiuti dove li mettiamo?
Intanto, iniziamo a chiedere alle aziende di produrne meno, riducendo gli imballaggi o non producendo affatto prodotti che non si possano recuperare. E poi iniziamo una seria raccolta differenziata, come hanno fatto a San Francisco, dove sono arrivati al 63% e contano di arrivar al 75% entro il 2010, più del doppio dell'obbiettivo dell'Italia.
Quel che non si recupera va in discarica?
In città come Canberra i rifiuti vanno tutti in un impianto che effettua una nuova selezione individuando ulteriori prodotti riciclabili e poi, grazie a un sistema naturale di bio-ossidazione (ovvero impiegando batteri e vermi), quello che si mette in discarica non crea più problemi all'ambiente. Credetemi, in questa città australiana la discarica non emana cattivi odori e sul suo cielo non ci sono gabbiani che svolazzano. E poi è nato un centro annesso dove sono attive imprese che riciclano sul posto di tutto, dai pneumatici al legno da costruzione. Così la comunità che ha una discarica ne trae anche benefici economici.
Vuol dire che i vantaggi economici sono addirittura superiori ai costi del trattamento?
Due esempi. L'Irlanda con una tassa sui sacchetti di plastica ne ha diminuito l'uso del 90% in un anno guadagnando 12,6 milioni di euro destinati al riciclaggio. La Xerox recupera vecchie fotocopiatrici da 16 Paesi europei: riutilizzando le parti o riciclando i materiali, finisce nel rifiuti solo il 5% della macchina. Soltanto nel 2000, quest'operazione ha fatto risparmiare a11'azienda 76 milioni di dollari.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
19 / 50000

Firme Recenti

Informazioni

Tags

salute. ambiente. rifiuti

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets