Trasporti ferroviari in Valle D' Aosta firma ora

Ferrovia disastrosa
Scritto da Riccarand Elio
giovedì 28 gennaio 2010
POVERA FERROVIA. POVERI PENDOLARI. UNA SITUAZIONE DISASTROSA CAUSATA DALL'IMMOBILISMO REGIONALE... Si straccia (solo metaforicamente) le vesti l'Assessore regionale ai Trasporti! Di fronte allo stillicidio quotidiano dei disservizi ferroviari, si indigna, prende la penna e scrive. Una vibrata lettera di protesta a Trenitalia. Lettera che... lascia il tempo che trova. Atteggiamenti che vogliono dare ai valdostani la sensazione che la Regione si agita, opera, mentre in realtà da tempo ha rinunciato ad avere un ruolo incisivo nel trasporto ferroviario. Da quanto tempo? Da dodici anni, dal 1998. Dodici anni senza fare nulla di serio per il trasporto ferroviario locale. E così mentre la domanda di trasporto pubblico e, in particolare, di trasporto ferroviario, cresce, il livello del servizio peggiora. I Presidenti, gli Assessori ai Trasporti e le Giunte delle ultime tre legislature non si sono impegnati per il potenziamento del servizio e dell'infrastruttura ferroviaria e si sono assunti tre gravi responsabilità: 1) Aver svuotato il Contratto di Servizio Regione-Ferrovie dello Stato del 1995; 2) Non aver concordato e definito il trasferimento delle competenze amministrative in materia di trasporto ferroviario locale; 3) Non aver investito in un progetto di ammodernamento delle due linee ferroviarie locali. Contratto di servizio L'arrivo di un Assessore Verde ai Trasporti, nel 1993, aveva portato, in brevissimo tempo, all'approvazione di un Contratto di Servizio fra Regione e Ferrovie dello Stato che fu il primo in Italia e permise di ottenere risultati importanti: aumento consistente delle coppie di treni (quasi raddoppiate) in servizio sulle linee valdostane; cinque stazioni in Valle d'Aosta aperte e con servizi di biglietteria; agevolazioni tariffarie per gli utenti; treni in orario con una percentuale del 98%. La Regione investì, per tale Contratto di servizio, 5 miliardi e mezzo di lire all'anno (circa 2 milioni 800 mila euro attuali). Un impegno finanziario che venne contestato da alcune parti politiche, ma che in realtà era necessario: consentiva infatti alla Regione di avere voce in capitolo sul servizio e rappresentava una correzione dell'anomalia per cui la Regione contribuiva finanziariamente per il trasporto su gomma e per quello aereo, ma non per quello su rotaia. Dopo il 1998, il Contratto di servizio, che era stato faticosamente digerito, venne sempre più osteggiato, rinnovato in ritardo, con sempre meno soldi, fino all'attuale ridicola cifra di 380.000 euro all'anno. Un comportamento vergognoso ed irresponsabile! E poi la Regione pretende di essere ascoltata da Trenitalia!! Competenze regionali in materia ferroviaria Le altre Regioni italiane, fin dalla fine degli anni Ottanta, hanno concordato ed ottenuto il trasferimento delle competenze per il trasporto ferroviario regionale. La Provincia Autonoma di Bolzano gestisce l'intero trasporto ferroviario con ottimi risultati. La Valle d'Aosta invece niente. Siamo rimasti al secolo scorso! C'è una Norma di Attuazione in itinere da ormai quasi dieci anni e nessuno se ne preoccupa seriamente. In realtà la Regione non ha nessuna voglia e nessuna fretta di prendersi questa competenza, meglio lasciare ad altri quella che viene considerata un “grana” ed invece è una grande opportunità per dare un servizio efficiente ai valdostani. Di conseguenza, mentre le altre Regioni possono oggi contrattare il servizio con Trenitalia e possono anche bandire gare per trovare un altro gestore del servizio, acquistano materiale rotabile, decidono su orari ecc ecc, la Regione Valle d'Aosta fa la bella statuina. Ogni tanto l'Assessore ai Trasporti di turno, sommerso dalle proteste, preso da un raptus di attivismo, che fa? Fa una letterina, naturalmente indignata. E poi tutto continua come prima e peggio di prima. Potenziamento ferrovia Nel corso degli ultimi dodici anni c'è stata una grossa novità. L'elettrificazione della linea da Chivasso ad Ivrea. Nulla invece è stato fatto sulla tratta Aosta-Ivrea ed Aosta-Pré-Saint-Didier. Così succede che i treni diesel provenienti da Aosta, con le loro emissioni, fanno scattare gli impianti antincendio nella stazione sotterranea di Porta Susa e succede che è sempre più a rischio di marginalizzazione il servizio ferroviario riguardante la Valle d'Aosta. Ci sono persino importanti finanziamenti dello Stato per l'infrastruttura ferroviaria che non vengono utilizzati e non è affatto chiaro che cosa la Regione vuole fare delle sue due linee ferroviarie. 1. Invece di continuare a sperperare le cospicue risorse del proprio Bilancio, la Regione potrebbe/dovrebbe investire 200 milioni di euro per fare della ferrovia valdostana un gioiello di comodità ed efficienza. Questa è la “grande opera” che dovrebbe realizzare la Valle d'Aosta. Le risorse ci sono, i progetti anche, la domanda è crescente. Perché non si fa? Ed invece si continua ad investire cifre spropositate in strade, circonvallazioni ed Aeroporto? Elio Riccarand

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
28 / 50000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Julio GuidiDa:
Trasporti e infrastruttureIn:
Destinatario petizione:
presidente regione Valle D'Aosta

Sostenitori ufficiali della petizione:
i pendolari !

Tags

ferrovia, ritardi

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets