Salviamo l'Italia, petizione ANTICRISI. Firma e aiutaCI. firma ora

Abbiamo bisogno di nuove persone in Parlamento, l'Italia vuole dei padri di famiglia al governo, con un cuore, che sappiano guardare non solo le proprie tasche ma anche i problemi del popolo, concordando gli interessi del paese che tanto amiamo ed è diventato per noi ormai invivibile.

Se una persona chiede di cambiare qualcosa nessuno la ascolterà, ma se tutti chiederanno che venga fatto sarà il momento della svolta.

Se siamo assieme possiamo farcela, se non firmate è perchè avete paura o non ci credete e non volete cambiare nulla. Italiani! Non accontentavi, accomodatevi, stanno distruggendo il nostro paese, le nostre famiglie, i nostri sacrifici, i nostri sogni.

A voi la scelta, una firma non costa nulla, ma vale tanto e ormai non avete più nulla da perdere, perché è proprio con quella che ci hanno rovinato.

E' stato come emettere una cambiale a vita, una condanna a vivere peggiornado, le mie parole potranno sembrarvi forti, ma vengono dal cuore di un uomo, padre di famiglia con un'impresa, che lotta ogni giorno per portare a casa il sufficiente e dare una vita un minimo decorosa alla propria famiglia.

Siamo arrivati ad un bivio e ora abbiamo paura, dobbiamo unirci, essere forti e urlare i nostri diritti.

Ci sono state svariate proposte nel quale ho avuto l'opportunità di entrare a fare parte di associazioni o vari gruppi, questo grazie al mio lavoro, ma ho sempre detto no, io non sono come loro, se dovessi prendere delle decisioni in futuro lo farei solo sulla base del mio stipendio ed i miei proventi li devolerei a migliorare i problemi del paese.

Un deputato non può portare a casa 8.000,00€ al mese, ma dovrebbe essere che 2.000,00€ vanno nelle tasche di chi sta assumento una posizione e 6.000,00€ verso dove c'è bisogno.

Volete sapere la prima cosa che ha distrutto l'Italia? La parola "CRISI", essa ha portato alla paura, il restringimento immediato dei portafogli e di conseguenza il calo matematico degli introiti globali.

Non dobbiamo aver paura a spendere "sempre con cognizione e ragione", perchè se domani tutti tornassimo dal parrucchiere, faremmo più spesa, andremmo fuori a mangiare, compreremmo qualche abito in più automaticamente nello stesso tempo di quello che è successo ci ritroveremmo in uno stato più benestante.

Voglio farvi un esempio ; più un meccanico lavora più assumerà dei dipendenti, comprerà più materiale e i suoi fornitori andranno meglio, mentre i produttori produceranno di più e a sua volta si creerà un regime benestante, ci sarà maggior richiesta di lavoro, di materie e tutto andrà per aggiustarsi.

Ma perchè questo in televisione e sui giornali non l'hanno mai detto? Ma lo volete capire che è tutto un meccanismo per creare paura e non farvi vedere cosa sta accadendo portandovi dove vogliono, verso crisi e paura, manovrando il paese e facendone di esso ciò che meglio è per loro.

Voi direste ad un figlio che deve aver paura "ed è la parola crisi" o deve lottare e crederci? La risposta ve la siete data da soli, uno stato deve essere come un padre, aiutarci, insegnarci e guidarci.

I primi da tutelare sono i malati, i bambini e gli anziani, possibile che nessuno ci pensi? Forse ragiono così perchè parte delle mie entrate le devolgo alle persone che hanno dei problemi e bisogno, ma non solo ragiono sotto un fattore economico, anche morale, forse perchè padri si nasce e non lo si diventa.

Volete stare a guardare? Eccovi accontentati, volete provarci? Firmate ora.

Volete saperlo? La crisi non è ancora cominciata, aspettate che finiscano i risparmi delle famiglie italiane e poi cominceremo a vedere i veri problemi.

Il mio motto? La politica non deve essere un buisness, ma basarsi su diritti e doveri.

Incaricatemi con le vostre firme per dare una svolta, datemi il potere della voce e sarò la voce di tutti voi, giurandoVi e dichiarando fin da subito che se accadesse di poter arrivare ad una valida base di firme, non percepirò nessun provento da questa iniziativa.

Marconi Lorenzo per la famiglia, la sanità, il lavoro, i diritti del cittadino.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
19 / 10000000

Firme Recenti

  • 19 maggio 201219. Annabella
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201218. Beronico
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201217. Sinfronio Impera
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201216. Sigfrido Badio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201215. Astianatte
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201214. Tiziana
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201213. Omero
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201212. Aza
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201211. Elvezio Kola
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201210. Polidoro
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20129. Tiziano Ghelfi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20128. Cassio Giacomino
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20127. Protasio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 26 novembre 20106. Gaia Milanesi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 23 novembre 20105. revenge revenge
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 settembre 20104. Emil Pop
  • 08 settembre 20103. Damiano Liguori
    Sottoscrivo questa petizione
  • 04 settembre 20102. maurizio occhilupo
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 agosto 20101. valeria parlato
    Sottoscrivo questa petizione

Informazioni

Lorenzo MarconiDa:
Giustizia, diritti e ordine pubblicoIn:
Destinatario petizione:
Governo

Sostenitori ufficiali della petizione:
Ufficio ricorsi multe

Tags

crisi, diritti, doveri, famiglia, giustizia, italia, lavoro, multe, parlamento, sanità

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets