Riforma scolastica: mantenimento seconda lingua straniera firma ora

Nei Quadri orario previsti dalla Riforma della Scuola Secondaria di II grado l’insegnamento delle Lingue comunitarie diverse dall’Inglese viene drasticamente limitato e spesso è reso possibile soltanto attraverso la quota di flessibilità riconosciuta all’autonomia delle scuole per attivare insegnamenti opzionali.
Questa operazione è delicata, richiede necessariamente la riduzione di altre discipline già peraltro previste dal Ministero nel Piano di studi e non assicura continuità.
Inoltre nella Scuola Media la scelta di una seconda Lingua straniera diventerà opzionale.
La scuola italiana dimentica così uno degli obiettivi strategici dei sistemi formativi scolastici europei: la conoscenza di più lingue comunitarie oltre alla lingua madre. Si pone in netta controtendenza a tutte le azioni del Consiglio d’Europa, impegnato da anni nella tutela del plurilinguismo, come condizione indispensabile per permettere ai cittadini dell’Unione di beneficiare tutti in modo paritario delle opportunità culturali e professionali offerte dal grande mercato interno senza frontiere.
Non si tratta solo di una condanna per le “seconde lingue” ma soprattutto della compromissione dell’educazione linguistica complessiva trascurando “culture” e civiltà che non sono “seconde” a nessun’altra.
Puntando al monopolio della lingua inglese, peraltro ridotta anch’essa nei quadri orario, si dimostra di ignorare che solo grazie al confronto con modelli culturali diversi la scuola può concorrere a formare persone aperte al confronto e al dialogo.
E’ davvero sorprendente che si pensi ad un apprendimento linguistico monolingue persino in una regione autonoma e di confine come il Friuli - Venezia Giulia , della cui “specialità” il plurilinguismo è uno degli aspetti fondanti, e da sostenere (basti pensare alla recente istituzione dell’Euroregione).
In questa fase di attesa della approvazione definitiva della Riforma della Scuola Secondaria di II grado, sosteniamo con convinzione l’imprescindibilità dell’educazione plurilinguistica e chiediamo che venga garantito lo studio delle Lingue comunitarie nella Scuola Secondaria di I e di II grado.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
271 / 50000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Paola LupiDa:
Scuola ed educazioneIn:
Destinatario petizione:
Ministero dell'Istruzione e della Ricerca; Ufficio Scolastico Regionale; Presidente della Regione FVG; Assessorato Regionale all'Istruzione del FVG

Sostenitori ufficiali della petizione:
Cittadini

Tags

firma per sostegno lingue, lingue comunitarie, riforma scolastica, sostegno lingue straniere

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets