RICHIESTA DATI EPIDEMIOLOGICI firma ora

Firma per sostenere la nostra lotta ed ottenere finalmente le mappe epidemiologiche a Taranto . Sono necessarie per provare la relazione tra malattie e fattori inquinanti.
Il Comitato donne per Taranto ha inviato una lettera agli organi competenti senza ricevere finora un riscontro positivo
Aiutaci a proteggere la vita nostra e dei nostri bambini

Così come fatto a Cornigliano (GE) anche noi ESIGIAMO una mappatura delle malattie perchè la logica del Profitto non continui a schiacciare la VITA e la SALUTE nostra e dei nostri bambini.

In data 1 febbraio 2011 abbiamo inviato agli organi locali sanitari questa lettera firmata da 16 del coordinamento DONNE per TARANTO:

"Al Presidente della Regione Puglia
On.le Nichi Vendola

Al Presidente della Provincia di Taranto
Dott. Gianni Florido

Al Sindaco di Taranto
Dott. Ippazio Stefano

Al Direttore Generale ASL Taranto
Dott. Domenico Angelo Colasanto

p.c. al Procuratore della Repubblica di Taranto
Dott. Franco Sebastio

Oggetto: RICHIESTA INDAGINE EPIDEMIOLOGICA

Siamo un gruppo di Donne e Mamme di Taranto e provincia seriamente preoccupate per la VITA e la SALUTE dei nostri figli e di tutti i bambini di Taranto. Ci ha messo insieme la rabbia per quanto siamo costrette a subire ogni giorno e la Speranza di un futuro migliore e possibile, per tutti i “figli” di Taranto che si stanno affacciando alla Vita.

Alcune di noi hanno già visto i loro figli ammalarsi e alcuni morire, altre vivono nell’incubo costante che questo possa accadere ai propri bambini, vittime di un Terra che non è più “madre” ma matrigna e carnefice.

Una Terra martoriata e violentata anch’essa, così come lo sono i nostri bambini che in essa vivono, defraudati delle loro speranze, dei loro sogni, del loro futuro, delle loro attese e spesso dei loro sorrisi, della loro spensieratezza e dei loro giochi.

E’ per loro che ci siamo messe insieme e abbiamo deciso di scrivere a Voi autorità sanitarie locali, ai sensi dell'art. 32 della legge n. 833/1978 e dell'art. 117 del D.Lgs. n. 112/1998, a Voi
che avete il dovere e la responsabilità di “tutelare” e di “vigilare” che la VITA e la SALUTE vengano rispettate così come recita l’art. 32 della Costituzione.


In questa Terra dove risiede l’acciaieria più grande d’Italia, dove insieme ad essa persistono altre industrie altamente inquinanti, dove i valori di emissioni dannosi e spesso cancerogene superano molto spesso i limiti consentiti per Legge, ci sembra paradossale che ancora non sia stata fatta una mappatura precisa delle malattie.

Sappiamo molto bene che a Cornigliano, che per tanti versi, rappresenta un Terra simile alla nostra, a causa di una acciaieria obsoleta che persisteva vicinissima alle abitazioni, è stata effettuata una indagine epidemiologica che ha determinato la chiusura della Cokeria.

Da quella indagine epidemiologica è risultato che:
· “la mortalità "per tutte le cause" tra gli uomini, rispetto a Genova, è risultata aumentata in modo statisticamente significativo del 23% (con 210 decessi in più rispetto all'atteso). Considerando le cause di morte, l'eccesso dì mortalità e evidente nel complesso dei tumori maligni, nei tumori dell'apparato emolinfopoietico (leucemie in particolare), mielodisplasie, tumori alla prostata, ecc

· la mortalità "per tutte le cause" tra le donne è risultata aumentata in modo statisticamente significativo del 55% (con 534 decessi in più rispetto all'atteso) rispetto al resto di Genova e del 60% rispetto al quartiere di Rivarolo. Tra le cause di morte aumentate in modo statisticamente significativo vi sono le malattie del sistema nervoso, cardiovascolare, cerebrovascolare, il diabete mellito ed i tumori maligni del colon e del retto.” (dalla sentenza 2001 del Gudice Papillo)

Risuonano nella mente e nel cuore le parole pronunciate e scritte nella Sentenza del 2001 dal Giudice Papillo che rappresentano il più alto grado del rispetto di una Terra e della Sua gente:

“La preminente rilevanza del bene-salute - oggetto di riconoscimento incondizionato da parte dell'art. 32 costituzione - fa sì che il bilanciamento di interessi tra le esigenze sociali e produttive, da una parte, e le esigenze di tutela dei beni messi in pericolo dalla prosecuzione dell'attività industriale, dall'altra, vada compiuto a favore delle primarie esigenze di tutela della salute della collettività residente nel quartiere di Cornigliano….
Dispone il sequestro preventivo dell'impianto di cokeria all'interno dello stabilimento delle acciaierie di Genova Cornigliano, sito in via Pionieri ed Aviatori d'Italia n. 8, di proprietà della Società Ilva spa."

Noi donne, mamme di questa Terra ci chiediamo come mai a Taranto l’art. 32 della Costituzione venga sistematicamente disatteso e come mai nonostante le molteplici sollecitazioni, non vi siate ancora attivati a far partire una indagine epidemiologica.

Noi donne, mamme di questa Terra, Vi chiediamo espressamente di effettuare sulla popolazione di Taranto e in modo specifico del quartiere Tamburi, nel minor tempo possibile, una indagine epidemiologica per verificare la correlazione tra causa e effetto; inquinamento e malattia/morte.

Noi donne, mamme di questa Terra, per proteggere i nostri bambini, ci impegnamo a non lasciare che sia solo questa lettera a raggiungerVi ma saremo disposte, nel caso non verremo ascoltate, ad andare alle tv locali e nazionali a creare eventi di piazza, manifestazioni non solo a Taranto, ma su tutto il territorio Nazionale, affinché si sappia che in questa Terra manca chi la tuteli e che la Vita e la Salute non solo sono costantemente messe in pericolo ma sistematicamente schiacciate dalla logica perversa del Profitto.

Noi donne, mamme di questa Terra, se continueremo a non essere ascoltate, ci rivolgeremo alla Magistratura denunciando tutti coloro che potevano fare e non hanno fatto per tutelare la VITA e la SALUTE di tutti i bambini di Taranto e in particolare dei bambini del quartiere Tamburi, che continuano ad ammalarsi, a vivere male e molti di loro a morire.

I nostri bambini prima di tutto!

Ci auguriamo che vogliate prendere in considerazione la nostra richiesta e ascoltare la voce sofferta, preoccupata, stanca, determinata, ostinata di noi donne; una voce che è la voce di tutti i bambini di questa Terra che meritano RISPETTO, VITA e SALUTE.

Taranto, 01/02/2011
Le Donne e le Mamme di Taranto

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
244 / 1000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets