Revoca agevolazioni INARCASSA ai neo professionisti architetti ed ingegneri iscritti con il vecchio statuto firma ora

Roma, 22 Settembre 2010

Gentile Presidente Arch. Paola Muratorio, Ci rivolgiamo a Lei ed al Consiglio di Amministrazione tutto, sottoscrivendo questo documento, per manifestare il nostro dissenso e profondo malcontento per la situazione che si è venuta a creare, e per chiedere una soluzione al problema occorso.

Siamo un gruppo di architetti ed ingegneri iscritti alla cassa di previdenza prima dei trentacinque anni e che hanno iniziato, finalmente, a versare i contributi previdenziali, usufruendo e godendo del regime agevolato come previsto dall’art. 22.4 dello statuto in vigore al momento dell’iscrizione (STATUTO INARCASSA approvato con decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 28.11.1995, G.U. n°296 del 20.12.1995).
Il regime agevolato secondo codesto statuto in vigore fino al 2010, prevedeva la riduzione ad 1/3 del contributo soggettivo e di quello integrativo per “il professionista che si iscrive per la prima volta ad INARCASSA, prima del compimento del trentacinquesimo anno di età, per i primi tre anni solari di iscrizione...” (CAP 4 delle NOTE INFORMATIVE: RIDUZIONE CONTRIBUTIVA artt.9 e 10 L. n°6 del 3.1.1981, e succ. emendamenti; artt.22 e 23 Statuto Inarcassa).
Con la ricezione del bollettino per il pagamento della seconda rata dei contributi dovuti ad INARCASSA per l'anno 2010, ci è stato tolto il diritto di portare a compimento i tre anni di regime agevolato come da noi accettato al momento della iscrizione.

Vogliamo far presente che il regime agevolato per tre anni, del quale stavamo godendo, ci ha incentivato ad aprire la Partita IVA entro i trentacinque anni, e ci ha spinto ad entrare nel mondo del lavoro professionale e quindi, finalmente, iniziare a versare i contributi previdenziali. Per molti colleghi con i quali stiamo condividendo la situazione in questi giorni, questa opportunità ha permesso di uscire da quelle situazioni di collaborazioni anche un po' ambigue che alcuni studi propongono. Tutti, al momento della iscrizione, sapevamo di affrontare dei sacrifici, ma eravamo disposti a farlo per iniziare a pensare al futuro, avendo la garanzia che per i primi tre anni avremmo usufruito di un regime agevolato.
Questo sta permettendo a noi neo professionisti, in questo periodo a disposizione, una programmazione degli investimenti nel costruire un percorso professionale, a piccoli passi e con le difficoltà economiche del caso, dato anche il difficile momento storico ed economico in atto.

Ora con grande sorpresa ci siamo visti recapitare la seconda rata per il versamento dei contributi 2010, con un importo cinque volte maggiore di quello atteso e di quello da Voi comunicato a tutti noi nel bollettino della prima rata: da €304,25 a €1522,75. Molti hanno sinceramente dato per scontato fosse un errore e sollecitato attraverso il Vostro call-center il bollettino corretto da pagare entro il 30.09.2010.
Alle nostre rimostranze ci è stato risposto che è stato cambiato lo Statuto nel Marzo 2010 (articoli 22-23-25-26 approvati con Decreto Interministeriale del 5 marzo 2010, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, e Ministero dell'Economia e delle Finanze, e dal Comitato Nazionale dei Delegati nella seduta del 25-26-27 Giugno 2008 e del 21-22 Luglio). Esso prevede, per i neo iscritti, un regime agevolato per cinque anni ma valido fino ai trentacinque anni di età. Ci è stato poi detto che coloro che hanno iniziato negli anni scorsi il regime agevolato "vecchio statuto" (del 28.11.1995) prima del compimento del trentacinquesimo anno, e che ne stavano usufruendo per tre anni (oltre i trentacinque anni) non potranno più godere di questa opportunità (con la modifica dell'art.22.4 e l’introduzione del limite anagrafico).

Ci siamo posti i seguenti quesiti:
1. Come è possibile rendere vigente una nuova regolamentazione statutaria verso chi ha già in essere un regime che per molti a breve terminerà e per altri sarebbe andato a esaurirsi nel giro di alcuni mesi, e sul quale tutti abbiamo investito?
2. Dove è riportato espressamente nel nuovo statuto che anche chi beneficiava del precedente regime ora deve adeguarsi al nuovo perdendo il diritto acquisito? Nell'art. 22 comma 2 si fa solo riferimento ai casi di reiscrizione.
3. Nel bollettino con scadenza 30 Giugno, arrivato a fine Maggio, è riportato con la prima rata (di €304,25), anche l'importo per la seconda rata per un totale di €608,50. Come è possibile un tale errore o un tale repentino ed assurdo cambio in corsa dato che la modifica allo statuto è stato decretato a Marzo?
4. Perché non è stato comunicato questo importantissimo cambiamento direttamente agli interessati soprattutto con un certo accento? Sarebbe stato dovuto, se non corretto verso i contribuenti, così come avviene con tante Vostre comunicazioni che riceviamo.

Ci sentiamo usurpati di un diritto e vittime di una grave ingiustizia da parte della Cassa.
Ci rivolgiamo quindi a Lei, gentile Presidente, ed al Consiglio di Amministrazione tutto, non tanto per chiarire i precedenti quesiti ma per chiedere formalmente che:

1. Venga revocato ed annullato il pagamento della seconda rata dei contributi di €1522,75.
2. Venga ristabilito il regime agevolato per i professionisti che lo avevamo già in essere e che sapevano di goderne e di averne diritto per gli anni prestabiliti.
3. Venga immediatamente presa in considerazione la possibilità di far portare a termine i tre anni di contribuzione con il regime agevolato come da statuto che abbiamo accettato in calce alla iscrizione, attraverso una norma attuativa specifica o una nuova interpretazione degli articoli interessati dalla modifica in oggetto.
4. Venga fissato un incontro con Lei prima della scadenza del 30 Settembre 2010, per risolvere il problema in tempo utile e per ristabilire il pagamento, entro tale data, dell’importo della seconda rata (€304,25), come da bollettino inviatoci a Maggio, ed evitare così un contenzioso con la Cassa che si aprirebbe con il pagamento coatto della nuova seconda rata (€1522,75).
5. Venga rispettato il principio della gradualità e dell'equità tra generazioni come sancito dall'art. 1 comma 763 della finanziaria 2007, che ha rimodellato il testo dell'art. 3 comma 12 della L. n. 335 del 1995.

Ribadiamo che troviamo profondamente ingiusto bloccare le condizioni già in essere.

Specifichiamo che non siamo affatto interessati ad una dilazione dell’importo che ci è stato recapitato, che non darebbe una soluzione al problema sorto.

Ribadiamo che terminato il regime agevolato saremo poi pronti ad iniziare il regime ordinario di contribuzione nei tempi e nei modi previsti.

Specifichiamo di non aver niente in contrario con il regime che intraprenderanno i nuovi iscritti entro i trentacinque anni.

Si fa presente inoltre che, nel caso in cui non si riesca a raggiungere un accordo, e vengano in toto respinte le nostre richieste, ci riserviamo di procedere con una azione collettiva.

Ci auguriamo, in fin dei conti, che tutto ciò sia dovuto ad un errata valutazione e considerazione, in fase di votazione della modifica dello statuto e delle norme attuative, della situazione di tutti quei professionisti, architetti ed ingegneri, che ad oggi non hanno ancora terminato il regime suddetto e che si sono riproposti di sfruttare questi tre anni per investire e crescere nel lavoro e che hanno iniziato a pensare alla previdenza per il futuro.


Sicuri della Vostra attenzione e comprensione dell'argomento, e soprattutto di una pronta soluzione del problema Vi auguriamo buon lavoro.

Distinti saluti.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
106 / 1000

Firme Recenti

  • 19 maggio 2012106. Orsino Di stasi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 2012105. Carmelo
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 2012104. Zoe
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 2012103. Fermiano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012102. Fabio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012101. Nostriano Jaaouan
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012100. Gaudenzia
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201299. Fortunata Bruno
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201298. Nerea
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201297. Ermanno
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201296. Indro
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201295. Amleto
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201294. Cirano Corrado
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201293. Aristarco
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201292. Armida
    Sottoscrivo questa petizione
  • 26 giugno 201191. Fabrizio Lampis
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 marzo 201190. Vincenzo Sozio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 ottobre 201089. Barbara vender (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 ottobre 201088. anna artuso
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 ottobre 201087. Silvia Marinelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 ottobre 201086. daniele passeri
    Sottoscrivo questa petizione per tutelare un mio diritto
  • 07 ottobre 201085. Stefania Cati
    Sottoscrivo questa petizione
  • 07 ottobre 201084. RAFFAELLA SQUILLACE
    INDIGNATA sottoscrivo questa petizione
  • 05 ottobre 201083. francesco pedrazzi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 03 ottobre 201082. Gabriele Allegria
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 ottobre 201081. Aniza Granata
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 ottobre 201080. Vito D'Addario
    Sottoscrivo questa petizione

vedi tutte le firme

Informazioni

Architetti IngegneriDa:
LavoroIn:
Destinatario petizione:
Alla Presidente INARCASSA, Architetto Paola Muratorio, Via Salaria, 226, 00198 ROMA

Sostenitori ufficiali della petizione:
Gruppo di architetti ed ingegneri iscritti alla cassa di previdenza prima ed entro i trentacinque anni.

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets