PETIZIONE POPOLARE PER UNA NUOVA MOBILITA’ firma ora

Siamo un gruppo di cittadini che si sono attivati per una petizione necessaria per una città come Ancona che soffoca nell'inquinamento e ha bisogno di nuove politiche sulla mobilità.

OBIETTIVO: chiediamo all’Amministrazione di attivarsi per realizzare una mobilità pubblica, pedonale, ciclabile che sia ecosostenibile, etica, sana e rispettosa di tutti gli utenti della strada.

A CHI E’ RIVOLTA: a tutti, alle famiglie, agli studenti, ai lavoratori, ai pensionati, ai portatori di handicap, ai dipendenti delle aziende di trasporto pubblico, alle associazioni impegnate nel sociale, agli utenti del trasporto pubblico, a chiunque crede che una città meno inquinata e ben collegata è una risorsa per tutti.

COSA SI CHIEDE PER IL TRASPORTO PUBBLICO: di attuare ciò che afferma il Ministro dell’Ambiente Clini: “potenziare il trasporto pubblico urbano, in particolare quello elettrico, per contrastare le emissioni inquinanti”.

- reintrodurre la corsa serale della linea 1/4 delle ore 0,35 recentemente soppressa garantendo i collegamenti centro-stazione-quartiere universitario di Tavernelle fino all’1.00, sia feriali che festivi;

- reintrodurre adeguate corse delle linee extraurbane, ora soppresse, per quartieri Torrette – Collemarino e Comuni di Falconara - Chiaravalle, garantendo i collegamenti almeno fino alle 23,30 dei giorni feriali (ora ridotti alle 22.30) e dalle 7 alle 23 nei giorni festivi (ora ridotti dalle 8 alle 21);

- fermare il piano dei prossimi tagli insistendo sull’eliminazione degli sprechi lasciati intatti (doppie corse su stessi tragitti, razionalizzazione dei capolinea e rotture di carico, integrazione servizio urbano e extraurbano); in ogni caso i piani di riordino vanno discussi con le rappresentanza dei cittadini fruitori del servizio e secondo le linee guida della lotta all’inquinamento e non del mero calcolo economico;

- revisione totale del vecchio impianto dei trasporti pubblici concepito negli anni ‘50 con istituzione di linee circolari veloci e frequenti e trasformazione delle linee secondo pertinenze di bacino urbani ed extraurbani, nuovi capolinea e diversa concezione nelle rotture di carico; è allo studio una proposta in tal senso;

- la punta di diamante del nuovo modo di concepire il trasporto deve essere costituito dai filobus (come avviene in molte città che tornano a realizzare le filovie) che devono essere acquistati periodicamente (invece di puntare ai bus che usano carburanti fossili, e granturismo, dimenticandosi di rinnovare il parco filobus in tempo privando la città dei mezzi più ecologici esistenti attualmente). Almeno il 20% della flotta circolante deve essere costituita da filobus moderni, silenziosi, “puliti” e funzionali, investendo risorse per scelte ecosostenibili;

- la metropolitana di superficie non deve essere un sogno. La stazioni devono essere collegate da un servizio dedicato (anche partendo con una fase sperimentale concordandola con Trenitalia) sulla direttrice: stazione d’Osimo-Camerano IKEA-Ancona Centri commerciali-Ancona Stadio-Ancona Passo Varano-Ancona Valle Miano-Ancona stazione centrale-Ancona marittima-Ancona Torrette-Ancona Palombina-Falconara e Falconara Stadio-Chiaravalle-Iesi e marina di Montemarciano-Marzocca-Senigallia. Va prevista una rete metro+bus alle fermate;

- cambio di marcia sulle corsie preferenziali: non più soppressioni, come fatto negli ultimi anni, ma istituzione di un nuovo anello di corsie preferenziali, oggi non più esistenti dopo le recenti soppressioni, tra Stazione-Archi-Centro-Martiri della Resistenza-via G.Bruno, per aumentare la velocità commerciale dei bus e rendere il servizio più appetibile;

- i semafori vanno sincronizzati dando la precedenza assoluta ai mezzi di trasporto collettivi;

- intensificazione della lotta all’evasione dei titoli di viaggio, così da qualificarsi come entrata economica utile per sventare riduzione di servizi e/o aumenti.

COSA SI CHIEDE PER LA MOBILITA’ PEDONALE E CICLABILE:

- difesa e salvaguardia dell’isola pedonale e ZTL del centro storico da “invasioni” abusive di auto, cosa che negli ultimi tempi avviene sempre più spesso anche per la mancanza di controlli (vigili e varchi elettronici) e volontà pubblica di difendere tali luoghi pedonali;

- istituzione di nuove ZTL nel centro storico – Guasco, San Pietro e Capodimonte – con entrata solo dei residenti e installazione di varchi elettronici per il controllo;

- istituzione di “zone 30″ (per la moderazione del traffico a massimo 30km/ora per una migliore convivenza tra auto, biciclette e pedoni) in zone, tipo corso Amendola, sede di parchi commerciali naturali;

- istituzione di piste ciclabili, politiche di incentivo all’uso delle biciclette, anche elettriche (per aiutare nelle salite e discese), e mezzi a due ruote, liberazione di parti di sede stradale per un anello ciclabile circolare nelle vie piane e centrali della città e garantire il loro rispetto, prevedere la possibilità di autorizzare il trasporto gratuito delle biciclette sui bus attraverso l’uso di appositi dispositivi di trasporto ancorati posteriormente;

- implementare campagne di sensibilizzazione per incentivare una sana mobilità pedonale (es. Piedibus) e un uso corretto e responsabile della mobilità privata;

- stop ad ulteriori parcheggi e ai parcheggi gratis in centro, nella zona centrale compresa dentro le gallerie, perchè attraendo automobili si vanno ad annullare gli effetti delle politiche di lotta all’inquinamento;

- si ai parcheggi scambiatori fuori dal centro dove lasciare le auto e prendere i mezzi di trasporto pubblico che devono essere dedicati, veloci e frequenti; uno di questo deve essere realizzato al più presto in zona Vallemiano così da intercettare il grosso del traffico proveniente dall’asse nord/sud e uno in zona portuale-Scalo Marotti, adeguatamente collegati da bus;

- si ai parcheggi pertinenziali in centro per liberare le strade da parcheggi e destinarle a corsie preferenziali per bus e piste ciclabili e parcheggi per scooter e biciclette (con relativa segnaletica stradale altrimenti i controllori della sosta non possono comminare multe);

- promozione dei parcheggi pubblici anche mettendo a disposizione biciclette elettriche e biglietti bus a tariffa vantaggiosa; ogni iniziativa pubblica che richiama gente in centro va fatta promuovendo lo stop delle auto fuori dal centro (es. parcheggio degli Archi);

- più controlli da parte dei Vigili Urbani, ora ampiamente insufficienti, superando la lunga fase di “lassismo”: lotta al parcheggio abusivo e deturpante, alla sosta selvaggia in piazze (es. Piazza del Papa), ZTL, marciapiedi, parcheggi per scooter, alle “invasioni” delle piazzole e corsie riservate ai bus da parte delle auto, garanzia dei percorsi per portatori di handicap e dei marciapiedi per i pedoni, liberandoli dalle auto in divieto).

Se ci crediamo è fattibile realizzare buone politiche di trasporto pubblico e organizzare una buona e più sana mobilità nell’ottica di una città più ecosostenibile!

GRAZIE PER IL TUO CONTRIBUTO!!

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
48 / 5000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Daniele BallantiDa:
SostenibilitàIn:
Destinatario petizione:
Istituzioni cittadine

Sostenitori ufficiali della petizione:
Volontari per una nuova mobilità

Tags

ambiente, lotta inquinamento, mobilità ciclabile, mobilità pedonale, sostenibilità, trasporti pubblici

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets