“PETIZIONE POPOLARE PER LA SALVAGUARDIA DELLE EVIDENZE ARCHEOLOGICHE IN LOCALITA’ VALLE ZAMPEA” firma ora

• Il Comune di Palestrina è disciplinato, ai fini urbanistici, da un Piano Regolatore Generale approvato con delibera di Giunta Regionale n° 4339 del 08/10/1979;
• Con delibera n° 71 del 12/12/2001 veniva adottata la variante di aggiornamento al P.R.G. per la salvaguardia del territorio e per l’adeguamento dei Servizi Pubblici;
• Considerato il parere preventivo della Soprintendenza Archeologica del Lazio ai sensi degli artt 146 e 152, comma 2 D.Lvo 42/2004 (prot. MIBAC-SBA-LAZ n° 7669 del 27/07/2009);
• In data 26 Marzo 2004 è stato adottato, in variante la P.R.G. vigente, il Programma Integrato di Intervento, ai sensi della L.R. 22/97, per la riqualificazione urbanistica del Comprensorio in località “Valle Zampea – Via Ceciliana”, in variante al P.R.G. vigente L.R. 22/97 art.4 e L.R. 36/87 art.5;
• In data 22 Aprile 2011 Il Consiglio Comunale della Città di Palestrina, con delibera n° 23 del 22/04/2011, ha approvato gli elaborati progettuali acquisiti dal Comune con protocollo n° 0012975 del 30/07/2010 (costituiti da una relazione esplicativa e da un elaborato grafico “Individuazione aree oggetto di cessione e zonizzazione e tipologie di intervento”), risultanti compatibili con le esigenze di tutela del complesso archeologico portato in luce in sede di sondaggi archeologici preventivi, richiamando le prescrizioni previste dalla D.G.R. n° 292 del 23/05/2006 di applicazione del piano;
• In data 16/05/2011 con prot. gen 8786 gli attuatori del P.I.N. hanno presentato al Comune di Palestrina il Progetto Esecutivo delle opere di urbanizzazione;
• Tale previsione progettuale, in Luglio 2010 ha comportato lievi modifiche alle superfici a verde, parcheggi, sedi carrabili,, sedi pedonali, il tutto senza modificare la superficie complessiva da cedere per standard urbanistici al Comune di Palestrina;
• Tali varianti non comportano variante allo strumento urbanistico in quanto rientranti tra le fattispecie previste dall’art.1 bis della L.R. 36 del 2 Luglio 1987, modificata ed integrata dalla L.R. 21 del 11 Agosto 2009 (Piano Casa);
• La Giunta Comunale della Citta di Palestrina con delibera n° 111 del 09/06/2011 ha approvato il Progetto Esecutivo riguardante i lavori di realizzazione delle opere di urbanizzazione interne al Piano Integrato di Intervento “Valle Zampea”, con carattere di urgenza, ovvero immediatamente eseguibile, ai sensi e per gli effetti dell’art.134 comma 4 del T.U. approvato con D.Lgs. n° 267 del 18/08/2000;
Visto che
Il progetto per l’urbanizzazione dell’area, regolarmente presentati alla Soprintendenza Archeologica del Lazio nell’anno 2007, ricade in area vincolata ai sensi del PTPR Lazio, e già precedentemente tutelata dal vincolo archeologico indiretto a causa dell’estrema prossimità della strada basolata antica e delle prospicienti strutture appartenenti al Santuario di Ercole;
Che sono state prescritte indagini conoscitive a partire del Maggio 2007 a cura di personale specializzato e qualificato sotto la Direzione della Soprintendenza, come hanno testimoniato scatti e tavole di rilievi grafici, testimonianze presentate al pubblico nell’arco della Manifestazione “Maggio in Archeologia” in data 29 Maggio 2010 presso il Museo Nazionale Archeologico Prenestino;
Vi sono stati due tentativi nel Novembre 2008 con Arcus Spa, e nel 2009 con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Comune di Palestrina d’intesa con la Soprintendenza Archeologica, di presentazione di progetti tesi alla valorizzazione ed il restauro dell’area
I tagli ai fondi ordinari del MIBAC sono stati negli ultimi anni sempre più consistenti, ed è pertanto molto difficile prevedere programmi di restauro, manutenzione e valorizzazione impegnativi come quello che servirebbe per l’area;
In mancanza delle risorse necessarie per i restauri, a scopo cautelativo le strutture rinvenute a Valle Zampea sono state ricoperte o saranno ricoperte adeguatamente con materiale protettivo e reinterrate
In data 11 Maggio con prot. N° 5630 e 13 Maggio con prot. N° 5740, sono arrivate note ufficiali a firma del Soprintendente per i Beni Archeologici del Lazio, presso il Quotidiano” Il Messaggero” e presso il Settimanale “Il Nuovo Corriere”, nelle quali si dichiarava il mantenimento dell’inedificabilità del sito;
Chiedono
Che qualora si presentino ulteriori evidenze archeologiche, sia nelle zone in prossimità delle aree di urbanizzazione che nelle zone deputate a verde, si avviino ulteriori sondaggi archeologici, per garantirne l’integrità e la possibilità di essere patrimonio di tutti;
Che le evidenze archeologiche venute alla luce, possano essere patrimonio visibile a tutti;
che si garantisca l’integrità ed il restauro del Ponte dei Sardoni, comunemente ed erroneamente denominato “Ponte della Gescal”, attualmente ricoperto da vegetazione e sul quale transita Via Pedemomtana;
il recupero dell’area, viste le sue qualità archeologiche e per l’elevata concentrazione di siti archeologici, in essa o prospicienti (Santuario di Ercole, Via Prenestina Antica, Area cosiddetta del Mercato degli Schiavi, Ponte dei Sardoni, Villa Romana sottostante l’Ospedale “Coniugi Bernardini”);
la realizzazione, insieme all’urbanizzazione dell’area secondo le leggi vigenti, di un parco archeologico a cielo aperto costituendo come perno, proprio l’area cosiddetta del Mercato degli Schiavi, con assi pedonali di collegamento con tutte le aree archeologiche adiacenti;
qualora i futuri sondaggi archeologici preventivi rivelassero ulteriori siti di notevole interesse archeologico, di redigere un piano di recupero archeologico totale dell’area.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
399 / 1000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Democrazia VivaDa:
Cultura e SocietàIn:
Destinatario petizione:
Comune di Palestrina, Soprintendenza per i Beni archeologici di Palestrina

Sostenitori ufficiali della petizione:
Democrazia Viva Palestrina, Gens Italia Palestrina,

Tags

archeologia, comune, costruzioni, evidenze archeologiche, palestrina, parco, rinterramento, valle zampea

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets