Petizione al Presidente della Repubblica firma ora

Signor Presidente della Repubblica
On. Giorgio Napolitano
Palazzo del Quirinale
Roma
A tutti i cittadini italiani onesti e liberi.
Signor Presidente, io nutro per Lei un rispetto e una stima che rasentano la devozione religiosa, questo però non deve impedirmi di esprimere liberamente il mio pensiero per paura di essere tacciato di antipolitica, qualunquismo,demagogia.
Da qualche anno sono venuti a conoscenza della pubblica opinione episodi e comportamenti della classe politica italiana, a tutti i livelli, da far rimanere sconcertate anche le persone più equilibrate e distanti dalla politica: ruberie, truffe messe in essere ai danni dei cittadini, tipo quella del rimborso elettorale, prepotenze, atti disdicevoli sia dal punto di vista morale che finanziario, politico ed etico, compiuti da ministri, parlamentari, governatori e amministratori regionali, provinciali, comunali, dirigenti di uffici pubblici.
Una classe politica che da un ventennio ha portato la Nazione sul precipizio della bancarotta, irresponsabilmente ha negato la gravità della situazione, ha continuato a succhiare il sangue dalle vene del popolo, lo ha ridotto alla miseria più nera, mai vista dalla fine della seconda guerra mondiale; ora, con arroganza e prepotenza, si scrolla di dosso ogni responsabilità, facendo ancora una volta il balletto dello scarica barile, mentre la gente soffre la fame, perde il lavoro, non ha prospettive per il futuro. Per riparare i guasti, sono stati presi provvedimenti di natura fiscale che sono caduti completamente sul collo dei cittadini, soprattutto quelli meno abbienti, perché coloro che hanno causato il disastro, per non toccare i propri privilegi, hanno proceduto a una tassazione violenta sui cittadini e hanno tagliato indiscriminatamente i servizi più importanti,come la falce che taglia tutta l’erba che le è davanti senza toccare la mano del mietitore. La nostra classe dirigente cinica e spietata ha massacrato la gente comune con nuove tasse che sono state un vero salasso, ma non ha toccato di un centesimo di euro gli stipendi di parlamentari e dirigenti, non ha voluto rinunciare alle auto blu,circa sessantamila, non ha voluto rinunciare a tutti i viaggi gratuiti, non ha voluto rinunciare alle scorte, impiegando migliaia di agenti, i quali sono usati per smargiassa e ostentata manifestazione di potenza e prestigio, anche per coloro che non ne sono degni, come raccontano molto spesso le cronache. Mai si è vista una classe dirigente più famelica, vorace, insaziabile, prepotente ,arrogante, come la nostra che governa da più di venti anni. Dal 1965 al 2010, il rapporto ricchezza netta PIL,al netto del debito pubblico è cresciuto dalla base 100 a 700; nel 1965 la ricchezza era detenuta dal 30% della popolazione, nel 2010 dal 10%. Dati Banca d’Italia,”Questioni di economia e finanza” n.115,Febbraio 2012.
I cittadini parlano di questi fatti non approvando i comportamenti dei politici e dirigenti pubblici, gridano la loro insofferenza, il loro disagio, la mancanza di speranza per il futuro, la loro impotenza di fronte a governanti senza scrupoli e insensibili al grido di miseria che arriva dal popolo.
Lei per tutta risposta parla di antipolitca, qualunquismo, demagogia.
Mi scusi, con rispetto e umiltà, Le domando :
-L’antipolitica la fanno gl’Italiani impoveriti e impauriti o i politici che in un momento così grave continuano a percepire stipendi che vanno da diecimila a ventimila euro al mese?
-I normali pensionati, i quali si sono visti applicata da subito la riforma delle pensioni o i politici che continuano a godere di privilegi pensionistici da boiari zaristi,previsti dalla legge Mosca del 1974 con successive modifiche e integrazioni?
-I comuni lavoratori che vanno a lavorare con i propri soldi con stipendi che si aggirano sui mille euro al mese o i politici che con stipendi da nababbi viaggiano gratis a spese dei contribuenti?
-Il cittadino normale e onesto oppure i parlamentari che per andare a Roma si spostano scortati da due o tre macchine della polizia? Che devono fare tanti agenti al servizio di un politico? A cosa servono scorte e privilegi anche a ex ministri,presidenti di camera e senato, dirigenti di uffici statali? Non è antipolitica questa?
- La gente che si suicida perché non riesce ad andare avanti o i deputati che si fanno dare i soldi sotto forma di contributi alla cosiddetta stampa parlamentare che non legge nessuno? Sono diversi milioni di euro.
-Le persone oneste che lavorano con i soldi propri o i parlamentari che hanno a Roma segreterie politiche pagate dallo Stato e quindi dai contribuenti? Chi vuole una segreteria se la paghi con i soldi suoi come fanno tutte le persone normali.
Ma i nostri politici sono persone normali? Vivono un’esistenza normale o campano in un mondo al di fuori della realtà? Fanno la spesa come i comuni mortali?
-Tanti giovani diplomati e laureati senza lavoro o coloro che ricoprono doppi e triplici e più incarichi procurati dalla politica e pagati con molte migliaia di euro al mese?
-Coloro che insorgono contro i partiti o i partiti che eludendo un referendum, con una legge truffa estorcono ai contribuenti il rimborso elettorale,del resto impropriamente usato,anche ai sensi del codice penale ?
Lei ritiene che i partiti debbano restituire tutto il denaro maltolto? Del resto i partiti stessi si sono autodefiniti società private e pertanto non hanno diritto a nessun rimborso, altrimenti tutte le società private avrebbero diritto a un contributo dello Stato.
-I disoccupati o coloro che nelle società municipalizzate percepiscono stipendi altissimi senza far nulla nella maggioranza dei casi?
-Il popolo che si lamenta o le banche ,le assicurazioni, i petrolieri che praticano aumenti ingiustificati e arbitrari senza che nessuno interviene?
Gli abusi e i privilegi elencati sono solo alcuni, perché a elencarli tutti si riempirebbe lo spazio di un lenzuolo.
Per risanare i conti pubblici, invece di tagliare i servizi, anche in settori delicati come la sanità, i trasporti, la scuola a tutti i livelli, la ricerca,la cultura, si propone:
Eliminiamo tutte le scorte che non servono a nulla; tutti i viaggi gratis a tutti i politici e tutti i dirigenti; tutte le auto blu o di altro colore, insomma le auto dello Stato; le segreterie politiche pagate dallo Stato per i parlamentari in carica e per gli ex; le società municipalizzate che sono la matrice della cattiva amministrazione; i consigli di quartiere che non servono a nulla ; i portaborse, di cui molti sono pagati in nero e non hanno libero accesso in Parlamento ; i consigli di amministrazione di consorzi e comunità montane e di tutti gli enti definiti inutili; l’abrogazione della legge Mosca del 1974,con successive modificazioni e iontegrazioni e l’applicazione della riforma delle pensioni da subito non solo per la povera gente ma per tutti, compresi i papaveri con stipendi di diverse migliaia di euro al mese; l’abrogazione del l’art. 68,II della costituzione; si stabilisca un tetto massimo di cinque mila euro al mese per tutti i dipendenti e dirigenti del pubblico impiego; ridurre della metà il numero dei parlamentari e non abbassarlo da 630 a 508 deputati che è una grave offesa all’intelligenza degl’Italiani ; dimezzare il numero dei consiglieri regionali,provinciali,comunali; limitare il numero complessivo dei mandati parlamentari a due, così finiscono i professionisti della politica, alcuni politici non hanno svolto mai attività lavorativa; ridurre le province a 50 come proposto dal governo ma soprattutto limitare lo strapotere e gli abusi delle regioni che si sono rivelate gli strumenti più stomachevoli degli sprechi, dei privilegi, della mala amministrazione. Di fatto si sono rivelate dei doppioni del governo centrale quindi in Italia abbiamo il governo centrale più venti governi regionali simili o peggiori di quello centrale incontrollabili e incontrollati i quali sono i maggiori responsabili del dissesto finanziario della Nazione insieme ovviamente al governo centrale. Mi permetto far notare che numerose proposte su menzionate si potrebbero attuare a costo zero.

Ennio Cicchiello



Rec.
Cicchiello Ennio Lorenzo , residente a San Lorenzo Maggiore, via Palazzo n. 4.
0824- 813512
333-3312114

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
8 / 10000000

Firme Recenti

Informazioni

Ennio CicchielloDa:
Politica e GovernoIn:
Destinatario petizione:
Presidente della Repubblica

Sostenitori ufficiali della petizione:
Ennio Cicchiello

Tags

casta, classe politica, ingiustizie, legge mosca, regioni, scandali, scandalo, sprechi, spreco risorse pubbliche, vitalizi

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets