PETIZIONE AL PARLAMENTO PER LA RISOLUZIONE DELLA VERTENZA DEGLI IDONEI DEL CORSO CONCORSO PER SEGRETARI COMUNALI E PER GLI IDONEI DI ALTRE PROCEDURE CONCORSUALI firma ora

Illustrissimo Presidente e Onorevoli del Parlamento, vogliamo brevemente illustrarVi una delicata questione che necessita di un Vostro pronto ed autorevole intervento.
Il problema riguarda la pesantissima carenza che affligge gli organici dei Segretari comunali e provinciali: attualmente infatti, a fronte di un numero di 8101 Comuni italiani, vi sono in servizio 3883 Segretari titolari comunali e provinciali.
La carenza è di tali dimensioni che non di rado, molti Comuni devono ricorrere alle convenzioni tra 4 o 5 Comuni, svuotando in tal modo l’importanza del lavoro di consulenza di questa delicata ed importante figura.
Sulla G.U. n. 19 del 6 marzo 2007 è stato pubblicato il bando per il reclutamento di 390 borsisti da destinare al corso di formazione per il conseguimento dell’abilitazione richiesta ai fini dell’iscrizione all’Albo di 300 segretari comunali e provinciali.
Al termine del lungo ed altamente selettivo iter concorsuale, a luglio 2009, è stata pubblicata la graduatoria finale, che comprende 461 idonei, dei quali solo 390 sono gli ammessi al corso di formazione. Gli idonei , dichiarati tali da una commissione altamente qualificata a seguito un lungo e faticoso percorso di studi, confidano in uno scorrimento della graduatoria in considerazione della gravissima carenza in tutto il territorio nazionale, di tale importante figura professionale.
E’ ben noto che diverse Sedi regionali dell’AGES hanno più volte rilevato con appelli accorati la carenza di Segretari nei loro organici (in particolare Veneto, Lombardia, Toscana, Marche, Abruzzo, Campania e Sardegna).
L’AGES responsabile della gestione dei Segretari comunali di tutta Italia, ha preso atto della grave carenza ma, anziché procedere allo scorrimento della graduatoria in essere, ha bandito altri due concorsi (uno in via di espletamento per 260 borsisti e l’altro appena uscito lo scorso 6 Novembre per altri 260). In dispregio di qualsiasi principio di imparzialità e buon andamento ed economicità dell’azione amministrativa, è stata così tolta ai 67 idonei la possibilità di accedere al corso e di essere conseguentemente iscritti all’albo dei segretari comunali e provinciali.
Si rileva l’opportunità, anche in considerazione dei costi che comporta l’organizzazione di un nuovo concorso, di dare luogo allo scorrimento della graduatoria dalla quale si possono, tranquillamente ed in piena trasparenza, attingere risorse professionali che possano alleviare il problema della carenza di sedi.
Per la risoluzione di tale vertenza, sono stati presentati diversi emendamenti, sia nell’ambito del D. D.L. 1441 quater, del DDL C. 3146 e del DDL n, 2/2010 recante interventi urgenti concernenti enti locali e regioni" (3146,) tutti, purtroppo, ritenuti inammissibili dalle Commissioni riunite per incompatibilità rispetto alla materia, nonostante avessero ricevuto il sostegno della quasi totalità dei componenti della Commissione stessa.
Al momento si è appreso che in Parlamento è in discussione il Disegno di legge, N. 2036 recante: “Modifica all'articolo 35 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, in materia di reclutamento del personale delle pubbliche amministrazioni” il quale all’art. 2 comma 8 stabilisce l’obbligo delle amministrazioni di procedere allo scorrimento delle graduatorie prima di stabilizzare i precari.
Ai fini della risoluzione della nostra vertenza, poiché con tale disposizione se ne deduce la volontà del Parlamento, di evitare che le amministrazioni non tengano conto delle graduatorie valide ed efficaci, vi chiediamo che nella preparazione del citato DL si prenda in esame anche l’ipotesi in cui la P.A. proceda all’indizione di nuovi concorsi senza previamente assorbire gli idonei esistenti.
Dunque, di fronte all’anomalia di varie amministrazioni che, in presenza di graduatorie valide ed efficaci , anziché attingere da esse indicono nuovi concorsi o assumono personale titolare di contratti di lavoro a tempo determinato, chiediamo alternativamente che:
A) il Parlamento voglia sostenere il Disegno di legge, N. 2036 recante:” S.2036 Modifica all'articolo 35 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, in materia di reclutamento del personale delle pubbliche amministrazioni” ed accordare agli iscritti delle graduatorie valide ed efficaci un diritto di precedenza sia sui precari, come già previsto all’art. 2 comma 8, che sui vincitori dei concorsi banditi in presenza delle predette graduatorie valide ed efficaci;
B) In particolare alla luce delle carenze di segretari comunali sopra ricordate, in forza dei principi di efficienza, buon andamento ed economicità della PA, si chiede al Parlamento, di voler intervenire con un emendamento al fine di ampliare la graduatoria degli ammessi al corso di formazione per l’iscrizione all’Albo dei segretari comunali e provinciali, al fine di consentire a tutti i 471 idonei di frequentare il corso in argomento. Oltre che nel Disegno di Legge N. 2036, l’emendamento che qui di seguito si indica potrebbe essere inserito nel Disegno di legge C. 3118 C.d. “Carta delle Autonomie”, presentato il 13 gennaio 2010 per l’"Individuazione delle funzioni fondamentali di Province e Comuni, semplificazione dell'ordinamento regionale e degli enti locali, nonché delega al Governo in materia di trasferimento di funzioni amministrative, Carta delle autonomie locali, razionalizzazione delle Province e degli Uffici territoriali del Governo. Riordino di enti ed organismi decentrati" (3118):
Testo: Abilitazione di segretari comunali
“Al fine di assicurare il compiuto e corretto svolgimento delle attività istituzionali presso tutti gli enti locali e di ovviare alle rilevanti carenze di organico esistenti, in conformità con i principi costituzionali di efficienza, economicità e buon andamento dell’amministrazione, ai sensi del comma 6 dell’art. 13 di cui al DPR n. 465/1997, l’Agenzia Autonoma per la gestione dell’Albo dei Segretari Comunali e Provinciali, è autorizzata a consentire agli idonei risultanti dalla graduatoria del COA 3 per l’ammissione di 390 borsisti al terzo corso – concorso, pubblicato su G.U.R.I n. 19 del 6 marzo 2007, a frequentare un apposito corso di formazione, per una spesa complessiva da porre nel limite delle risorse finanziarie stabilmente disponibili nel proprio fondo di dotazione e nel bilancio dell'Agenzia, di cui all'articolo 102 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, senza oneri a carico della finanza pubblica, onde consentire ai detti idonei l’iscrizione all’albo di cui all’art. 98 del d. lgs. 267/2000, nella prima fascia professionale».”.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
163 / 1000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Donatella PipereDa:
LavoroIn:
Destinatario petizione:
Presidente della Repubblica e Onorevoli del Parlamento Italiano

Sostenitori ufficiali della petizione:
http://comitatoidoneicoa3.moogo.com/

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets