Per il part-time alle madri lavoratrici firma ora

La difficoltà di conciliazione tra famiglia e lavoro continua a rappresentare uno dei principali problemi per le famiglie italiane. Un problema che, per di più, grava in maggior parte sulle spalle delle donne: alle quali si chiede una disponibilità illimitata di tempo e di energie, costringendole a impensabili acrobazie per tenere insieme entrambi i ruoli.

I provvedimenti attuati o previsti per ovviare a questo problema continuano a risultare inadeguati. Anche il progetto pilota di realizzazione di asili nido destinati ai figli dei dipendenti della Pubblica Amministrazione, presentato di recente dal Governo, appare necessario, ma non sufficiente.

Di fatto, le risorse economiche stanziate per facilitare la conciliazione si dirigono quasi esclusivamente alla realizzazione di servizi di assistenza all’infanzia. Poco o nulla invece viene fatto sul piano della gestione flessibile del lavoro, che pure rappresenta uno degli obiettivi più importanti della legge 53/2000 per la tutela della maternità e della paternità. Il Piano Straordinario del Governo prevede che alla copertura dei servizi di assistenza all’infanzia siano destinati 800 milioni di euro in tre anni, mentre agli incentivi alla flessibilità non vanno che 40 milioni all’anno. Eppure, anche i risparmi derivanti dall’innalzamento dell’età pensionabile nel pubblico impiego verranno ora destinati alla realizzazione dei nidi per i dipendenti pubblici.

La disponibilità anche massiva di asili nido, disgiunta dalla possibilità reale di accedere alle forme di flessibilità dedicate alle madri lavoratrici, non risolve il problema. Le ricerche affermano che la principale causa di dimissioni per le donne con figli non è principalmente la difficoltà a individuare chi si prenda cura del bambino in assenza della madre: ma la rigidità dell’orario lavorativo e la sua inconciliabilità con l’impegno familiare. Nel nostro paese, la diffusione del lavoro a tempo parziale è al di sotto della media europea, e ancora confinata alle mansioni meno qualificate e ai livelli inquadramentali più bassi. In paesi come la Svezia o l’Olanda, solitamente citati come esempi “virtuosi” di politiche di conciliazione, la disponibilità di strutture per l’assistenza all’infanzia va di pari passo con la flessibilità lavorativa.

E’ necessario che i fondi ricavati dal risparmio pensionistico vengano destinati, per una parte consistente, a rinforzare gli incentivi alla flessibilità per aziende e datori di lavoro. Per imprimere una svolta reale alle carenti politiche di conciliazione nel nostro paese, occorre allargare lo spettro degli interventi, perché usufruire del part-time e di altre forme di flessibilità non resti un miraggio.

Per un Paese che voglia essere moderno e liberale, è indispensabile fare in modo che le madri lavoratrici non debbano rinunciare alla loro professione, ma neanche alla loro famiglia, né alla loro vita.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
686 / 5000

Firme Recenti

  • 15 dicembre 2016686. monica pucci (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 26 ottobre 2016685. Alessandra Angeli (non verificato)
    Lavoravo part time. Mi è stato tolto questo diritto. Costa.
  • 03 maggio 2015684. caterina trucco
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 agosto 2014683. Giupa (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 09 maggio 2014682. LadyHelena (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 febbraio 2014681. Cristina Emelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 05 febbraio 2014680. Monica Renardet Lia
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 febbraio 2014679. luipz
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 dicembre 2013678. Flct
    Sottoscrivo questa petizione
  • 07 ottobre 2013677. Elisa Scaloni
    Sottoscrivo questa petizione
  • 25 luglio 2013676. Cristina poletto
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 maggio 2013675. selene baccellini (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 13 marzo 2013674. Alice Magrini (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 07 marzo 2013673. poppy85 (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 05 marzo 2013672. Manuela D'Onofrio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 gennaio 2013671. vevve (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 novembre 2012670. eleonora de sena (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 28 novembre 2012669. demonik
    Sottoscrivo questa petizione
  • 12 novembre 2012668. BA19
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 novembre 2012667. Nicole
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 ottobre 2012666. GERBA (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 24 ottobre 2012665. Stefania Lodesani (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 16 ottobre 2012664. Daria di Bernardo (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 16 ottobre 2012663. paola ravasio (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 settembre 2012662. MauSS (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione.
  • 18 settembre 2012661. Valeria Maiorano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 06 settembre 2012660. Marina Torbidoni
    Sottoscrivo questa petizione

vedi tutte le firme

Informazioni

Paola LiberaceDa:
Politica e GovernoIn:
Destinatario petizione:
On. Mara Carfagna, Ministro per le Pari Opportunità; sen. Carlo Giovanardi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio per le Politiche per la Famiglia; on. Renato Brunetta, Ministro della Pubblica Amministrazione e Innovazione

Tags

bambini, conciliazione, donne, famiglia, figli, lavoratrici, lavoro, madri, padri, politiche

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets