OMICIDIO STRADALE: introduzione dei reati di omicidio, lesioni e danneggiamento conseguenti aLLa guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche e stupefacenti e altre norme di contrasto all’uso di sostanze alcoliche e stupefacenti firma ora

Abbiamo bisogno del sostegno e dell' aiuto di tutti voi per una società più giusta dove chi uccide, mettendosi alla guida senza esserne in condizioni (essendo drogato e/o in stato di ebrezza), riceva una condanna adeguata al danno (morte o lesioni gravi) che ha provocato con il suo comportamento irresponsabile.

Se rubi 100 € dalla borsa di una signora e sei catturato da un agente di polizia entri in carcere immediatamente e sei processato subito. Lo stesso ti accade se rubi una bicicletta (processo per direttissima e condanna a 1 anno e 6 mesi).

Se invece investi e uccidi qualcuno perché ti sei messo alla guida positivo alla droga o con un tasso alcolemico che supera il limite di legge, non solo non vieni arrestato subito, ma in carcere non ci andrai mai.

A leggere le cronache quotidiane sembra di scorrere un bollettino di guerra, uno stillicidio continuo e apparentemente inarrestabile di morti, feriti ed incidenti che insanguinano le strade italiane, falciando spesso vittime innocenti e inconsapevoli, “colpevoli” solo di essere nel posto sbagliato al momento sbagliato. Non di rado i responsabili di questi incidenti risultano sotto l’effetto di alcool e droghe, e scalpore e disappunto destano nell’opinione pubblica l’apprendere che – in base alla legislazione vigente – il responsabile in attesa del processo può a volte non trascorrere neppure una notte in carcere, anche quando la sua colpevolezza appaia evidente oltre ogni ragionevole dubbio.
Una pena “equa” per il danno provocato e “certa” rappresenta un atto di “prevenzione”. Serve da deterrente e rende un minimo di giustizia a chi ha perso la vita per il comportamento criminale di un guidatore che si è messo alla guida non essendo in condizione di farlo.

“Se una persona si mette alla guida di un veicolo, nonostante l’assunzione di alcool o droghe, accetta il rischio di provocare un incidente stradale, che potrebbe anche determinare la morte di chi, senza colpa, si trova sulla strada percorsa dall’investitore. Non si può più accettare che chi stronca la vita altrui rimanga sostanzialmente impunito”. E’ quanto ha dichiarato il Sen. Francesco Storace, fondatore e Segretario Nazionale del partito LA DESTRA, il quale si è reso promotore di una proposta di legge di iniziativa popolare, depositata nella Cancelleria della Suprema Corte di Cassazione, così come pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.142 del 21.06.2011.





La proposta di legge di iniziativa popolare è finalizzata all’introduzione nel sistema penale di nuove specifiche figure di reato, quali l’omicidio, le lesioni e il danneggiamento conseguenti alla guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche e stupefacenti. Il disegno di legge prevede pene molto severe, non solo nel caso della morte della persona offesa, ma anche per le lesioni personali o per la messa in pericolo della pubblica incolumità.

Chiunque, in stato di ubriachezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, provochi un incidente mortale, dovrà essere condannato ad una pena non inferiore a 10 anni di reclusione, pena che dovrà essere aumentata da un terzo alla metà, ovvero da 13 a 15 anni di reclusione, nel caso in cui la vittima sia un minore degli anni diciotto, una donna in stato di gravidanza, una persona in stato di deficienza psichica o motoria. Stessa pena sarà prevista per chi esercita l’attività di trasporto di cose e persone. A non meno di 21 anni di reclusione dovrà essere condannato chi, provocando l’incidente stradale, ha causato la morte di più persone.

La Destra e Gioventù Italiana da mesi sanno raccogliendo le sottoscrizioni della proposta di legge che, per diventare legge, secondo quanto previsto dall’art. 71 Cost., nel combinato disposto ex articoli 48 e 49 della successiva L. 25.5.1970 n. 352. deve essere sottoscritto da almeno 50.000 persone. La legge stabilisce che il progetto, accompagnato dalle firme degli elettori proponenti, deve essere presentato a uno dei Presidenti delle due Camere, il quale lo presenta alla Camera di competenza, che deve verificare il computo delle firme e accertare la regolarità della richiesta, affinché questo sia poi discusso e votato.

La previsione di pene severe determina due importanti conseguenza potrà applicarsi la misura della custodia cautelare in carcere, ricorrendo concretamente il pericolo di reiterazione del reato, e non potrà più essere concessa la sospensione condizionale della pena. Niente restituirà ai loro cari le vittime innocenti dello sciagurato comportamento di un conducente ubriaco o drogato, che però pagherà per quello che ha fatto.

La legge che proponiamo ci aiuterà a salvare vite umane nelle nostre strade e a rendere giustizia a chi sarà colpito ingiustamente.
Mettiamoci tutti al lavoro perché non c’è tempo da perdere.
Questa è una legge di civiltà giuridica che non può più aspettare.”

Visita il sito: http://www.storace.it/wp-content/uploads/2011/08/modulo-raccolta-firme.pdf per leggere il modulo per la raccolta firme con la proposta di legge integrale e aderisci alla nostra iniziativa.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
26 / 50000

Firme Recenti

  • 16 luglio 201326. Priore (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 16 luglio 201325. ALESSANDRO MUNAFO' (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 16 luglio 201324. roberta d'errico
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 aprile 201323. marcello bensi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 gennaio 201322. sagy
    Sottoscrivo questa petizione
  • 27 dicembre 201221. lorenzo orsini
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201220. Grato
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201219. Ticone Intile
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201218. Famiano Dahi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201217. Lavinia
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201216. Abramo
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201215. Verdiana
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201214. Salvatore
    Sottoscrivo questa petizione
  • 03 marzo 201213. Camilla Marino
    Sottoscrivo questa petizione
  • 01 marzo 201212. Paulì Rambaldini
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 febbraio 201211. Dania Turcato
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 gennaio 201210. Giorgio Roggero
    Sottoscrivo questa petizione
  • 15 gennaio 20129. maria assunta
    Sottoscrivo questa petizione
  • 15 gennaio 20128. Stefano Bozzarelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 15 gennaio 20127. momix momix
    Sottoscrivo questa petizione
  • 15 gennaio 20126. Gaetano Capriati
    Sottoscrivo questa petizione
  • 15 gennaio 20125. Manuel Alessandro Trudu
    Sottoscrivo questa petizione
  • 15 gennaio 20124. Roberta Ravelli (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 15 gennaio 20123. gabriella stazzu
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 gennaio 20122. Stefania
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 gennaio 20121. Gualtiero Lugli
    Sottoscrivo questa petizione

Informazioni

Gualtiero LugliDa:
Vita cittadinaIn:

Sostenitori ufficiali della petizione:
La Destra

Tags

la destra, omicidio stradale, proposta di legge

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets