Niente regali alle mafie, i beni confiscati alla mafia sono cosa nostra. firma ora

Tredici anni fa, oltre un milione di cittadini firmarono la petizione che chiedeva al Parlamento di approvare la legge per l'uso sociale dei beni confiscati alle mafie. Un appello raccolto da tutte le forze politiche, che votarono all'unanimità le legge 109/96. Si coronava, così, il sogno di chi, a cominciare da Pio La Torre, aveva pagato con la propria vita l'impegno per sottrarre ai clan le ricchezze accumulate illegalmente.

Oggi quell 'impegno rischia di essere tradito. Un emendamento introdotto in Senato alla legge finanziaria, infatti, prevede la vendita dei beni confiscati che non si riescono a destinare entro tre o sei mesi. E' facile immaginare, grazie alle note capacità delle organizzazioni mafiose di mascherare la loro presenza, chi si farà avanti per comprare ville, case e terreni appartenuti ai boss e che rappresentavano altrettanti simboli del loro potere, costruito con la violenza, il sangue, i soprusi, fino all'intervento dello Stato.

La vendita di quei beni significherà una cosa soltanto: che lo Stato si arrende di fronte alle difficoltà del loro pieno ed effettivo riutilizzo sociale, come prevede la legge. E il ritorno di quei beni nelle disponibilità dei clan a cui erano stati sottratti, grazie al lavoro delle forze dell'ordine e della magistratura, avrà un effetto dirompente sulla stessa credibilità delle istituzioni.

Per queste ragioni chiediamo al governo e al Parlamento di ripensarci e di ritirare l'emendamento sulla vendita dei beni confiscati.
Si rafforzi, piuttosto, l'azione di chi indaga per individuare le ricchezze dei clan. S'introducano norme che facilitano il riutilizzo sociale dei beni e venga data concreta attuazione alla norma che stabilisce la confisca di beni ai corrotti. E vengano destinate innanzitutto ai familiari delle vittime di mafia e ai testimoni di giustizia i soldi e le risorse finanziarie sottratte alle mafie. Ma non vendiamo quei beni confiscati che rappresentano il segno del riscatto di un'Italia civile, onesta e coraggiosa. Perché quei beni sono davvero tutti "cosa nostra"

don Luigi Ciotti
presidente di Libera e Gruppo Abele

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
475 / 100000

Firme Recenti

  • 23 maggio 2013475. domenica pellicanò
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 2012474. Nuccia
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012473. Carmen Cenedese
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012472. Sinfronio Loria
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012471. Fiorenzo Giovo
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012470. Demostene Pletosu
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012469. Filomeno Cavaliere
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012468. Regina
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012467. Lavinia Bellone
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012466. Feliciano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 febbraio 2012465. Annalisa Colombo
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 giugno 2011464. Alessandra Ghetti
    Condivido e sottoscrivo la petizione
  • 31 dicembre 2010463. GRAZIANO BRAU
    Sottoscrivo questa petizione
  • 31 dicembre 2010462. christian22
    Sottoscrivo questa petizione, perchè è un atto di civiltà.
  • 31 dicembre 2010461. mariadessi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 31 dicembre 2010460. giuliazak
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 dicembre 2010459. Valentina
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 dicembre 2010458. waters
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 dicembre 2010457. frasti
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 dicembre 2010456. Raffaela Carrus
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 dicembre 2010455. consales gioacchino
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 dicembre 2010454. fra_bacci
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 dicembre 2010453. Elisa Vettori
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 dicembre 2010452. mangia70
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 dicembre 2010451. MICHELA BALZANO (non verificato)
    Sottoscrivo questagruffy the petizione
  • 30 dicembre 2010450. Federico Zilio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 29 dicembre 2010449. Melinda
    Sottoscrivo questa petizione

vedi tutte le firme

Informazioni

jqzap148Da:
Persone e organizzazioniIn:
Destinatario petizione:
Governo

Sostenitori ufficiali della petizione:
don Luigi Ciotti presidente di Libera e Gruppo Abele

Tags

beni confiscati, ciotti, cosa nostra, libera, mafia

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets