Lasciate in pace Yulia Privedennaya firma ora

"Giovedi 18 febbraio, Yulia Privedennaya varcherà le porte del Serbsky, il famigerato ospedale psichiatrico dove in epoca sovietica rinchiudevano i dissidenti. La sua colpa? L'aver fondato una comune hippy-agricola alle porte di Mosca, dove si allevano mucche sulle note di Beethoven tra dipinti a olio, colture bio, poesie, Esperanto, bandiere della pace, campi estivi per bambini, aiuto a 'ragazzi difficili'. Senza i soldi dei partiti." (Lucia Sgueglia, 13 febbraio 2010)

Noi sottoscritti, cittadini italiani, siamo preoccupati per il grave caso di violazione dei diritti umani della poetessa Yulia Privedennaya, membro dell'associazione civile PORTOS. Da quello che sappiamo, attualmente si trova internata in un centro psichiatrico contro la sua volontà, dove potrebbe subire coercizione psicologica e fisica, nonché venire obbligata ad assumere farmaci dannosi per la sua salute fisica e mentale.

Ne chiediamo l'immediato rilascio e che la comunità internazionale si faccia garante del rispetto dei suoi diritti umani. Come ambasciatore dell'Italia in Russia, Le chiediamo di farsi portavoce della nostra preoccupazione e della nostra opinione.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
55 / 10000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Caterina CamastraDa:
Giustizia, diritti e ordine pubblicoIn:
Destinatario petizione:
Vittorio Claudio Surdo, Ambasciatore italiano in Russia

Tags

diritti umani, repressione, russia, yulia privedennaya

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets