La Sanità "Bene Comune" - difendiamo Terni firma ora

LETTERA APERTA
AL PRESIDENTE DELLA REGIONE DELL’UMBRIA
AL SINDACO DI TERNI

LA SANITA’ “BENE COMUNE”, TERNI NON PUO’ PERDERE LA PROPRIA DIGNITA’ E IL PROPRIO RUOLO

La Regione dell’Umbria sarà chiamata, entro le prossime settimane, a riorganizzare il suo Sistema Sanitario.
Noi cittadini abbiamo bisogno di una Sanità efficiente, meno burocratizzata, libera da condizionamenti politici, che metta al primo posto la qualità dei servizi e non la proliferazione di apparati elefantiaci, di facili carriere e che pesi il meno possibile sui redditi delle nostre famiglie.
Le decisioni che saranno prese incideranno fortemente sul futuro delle nostre comunità e quindi non possiamo, ne’dobbiamo permettere che siano assunte dai soliti poteri, più o meno istituzionalizzati, in perfetta solitudine.
Vogliamo essere protagonisti di tali scelte e non semplici spettatori.
In un quadro di forte razionalizzazione e riduzione dei costi, occorre compiere scelte di merito, suffragate da dati e argomenti incontestabili.
In questo contesto riteniamo:
- FONDAMENTALE considerare l’Azienda Ospedaliera di Terni un luogo di eccellenza ma anche fattore di sviluppo economico e sociale per il nostro territorio e quindi per l’Umbria;
- INACCETTABILE qualsiasi ipotesi che preveda la penalizzazione dell’Azienda Ospedaliera di Terni che deve mantenere e rafforzare le Alte Specialità che hanno dimostrato, non solo di essere efficienti, ma anche attrattive nei confronti dei pazienti di fuori regione contribuendo così a sostenere il bilancio della Sanità Umbra;
- CONDIVISIBILE la riduzione del numero delle ASL da quattro a due che devono, contestualmente, essere riequilibrate fra loro integrando quella di Terni con i territori del Tuderte, della Valnerina e dello Spoletino;
- INCOMPRENSIBILE l’ipotesi concernente il trasferimento della sede Direzionale della nuova ASL da Terni in altre parti dell’Umbria perché colpisce il ruolo e la dignità della città di Terni e riduce la possibilità di sviluppare una forte azione sinergica fra Azienda Ospedaliera e ASL, oggi assolutamente inadeguata. Tale scelta produce, fra l’altro, l’improponibile presenza in una unico territorio provinciale, quello di Perugia delle due Direzioni ASL;
- INGIUSTIFICABILE indebolire Terni anche sul versante sanitario in un momento in cui, fra l’altro, le regioni limitrofe, in particolare il Lazio, sono costrette a operare pesantissimi tagli alle proprie strutture e servizi per risanare i loro bilanci con il rischio di non cogliere le nuove opportunità di attrarre ancor più pazienti provenienti da quelle realtà territoriali con benefici enormi per i bilanci della sanità ternana e umbra.
Soluzioni diverse nello spirito e nei contenuti ci vedranno fortemente contrari e, conseguentemente, impegnati a difendere le ragioni e la dignità della nostra città.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
18 / 5000

Firme Recenti

Informazioni

Tags

sanità, terni

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets