**FIRMA L'APPELLO DI SOLIDARIETA' A Matteo Parlati RSU FIOM CGIL DELLA FERRARI AUTO DENUNCIATO PER MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA** firma ora

I provvedimenti repressivi emessi dal Tribunale di Modena il 24 gennaio ai danni di 14 cittadini modenesi – perlopiù lavoratori -, segnano una svolta di enorme gravità nella vita democratica e civile della città.
L'autorità giudiziaria “sconfina” e si arroga il diritto di valutare e censurare i comportamenti sociali e le opinioni politiche, disegna inverosimili scenari criminali (di cui nessuno in città si era mai accorto) ed emette provvedimenti pesantissimi contro giovani e giovanissimi (alcuni appena maggiorenni), quasi tutti incensurati.

Tra i dieci denunciati con obbligo quotidiano di firma in Questura - misura punitiva crudele, soprattutto con chi lavora a turni – c’è un nostro compagno di RSU, membro del Direttivo Provinciale Fiom-Cgil, nonché militante del PRC. Il provvedimento gli è stato notificato sul posto di lavoro, senz’altro rendendo più difficile la sua posizione in azienda.

Denunciato per “concorso morale” in atti di violenza contro le forze dell’ordine e per “resistenza aggravata a pubblico ufficiale” per avere partecipato alla manifestazione antifascista del 28 ottobre che si opponeva allo squallido convegno di Fiamma-Tricolore di rievocazione della Marcia su Roma, delle (presunte) opere sociali del fascismo e dei (presunti) crimini dei partigiani , le accuse contro di loro sono totalmente prive di fondamento. In quella occasione, la protezione accordata dalla Questura alla squallida iniziativa di aperta apologia del fascismo in pieno centro di Modena si concludeva con una carica, il tutto nel corso di pochi minuti.

Non accetteremo mai che l’opposizione ad iniziative neo-fasciste sia considerata come un complotto da estirpare. A maggior ragione nella città capoluogo di una provincia che nella lotta al fascismo si è battuta eroicamente, vedendo cadere migliaia di uomini e donne della nostra “meglio gioventù” dell’epoca.

I sottoscrittori di questo appello chiedono con forza:

1) che siano ritirati i provvedimenti repressivi e archiviate le denunce.
2) che si riconquisti un clima di agibilità democratica in una città in cui la Procura, la Questura e la Prefettura paiono sempre più attente e permissive nei confronti delle organizzazioni neofasciste e repressive nei confronti di chi vuole che siano rispettati i valori antifascisti nati dalla resistenza.

Questo episodio di repressione politica è parte di una tendenza sempre più generalizzata di attacco ai diritti politici, sindacali e democratici. L’accordo in Fiat, negando le libertà sindacali e il diritto di sciopero, colpisce chiunque dissenta dai dettami padronali. La brutalità di provvedimenti come quelli subiti dai nostri compagni vuole essere di avvertimento a chiunque si opponga alle ingiustizie e al ritorno di ideologie fasciste e di estrema destra.
Questa tendenza deve essere fermata. Chiediamo pertanto a tutti i lavoratori, gli studenti e gli antifascisti di sottoscrivere questo appello e far sentire ai compagni la nostra solidarietà e vicinanza.

Primi firmatari: Gianni Rinaldini (Coordinatore nazionale la Cgil che Vogliamo), Giorgio Cremaschi (Presidente Comitato Centrale Fiom-Cgil), Paolo Ferrero (Segretario Nazionale Partito della Rifondazione Comunista), Giordano Fiorani (Segretario Provinciale Modena Fiom-Cgil), Paolo Brini (Comitato Centrale Fiom-Cgil), Antonio Santorelli (Comitato Centrale Fiom-Cgil)

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
488 / 10000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Circolo GramsciDa:
Giustizia, diritti e ordine pubblicoIn:

Sostenitori ufficiali della petizione:
Rsu Fiom - Cgil Ferrari Auto,Circolo Gramsci Prc Modena

Tags

antifascismo, comunista, ferrariauto, fiom, neofascismo, repressione, resistenza, rifondazione

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets