Fermiamo lo scempio, NO aLla città bottega firma ora

I giardini di piazza delle Poste (o piazza Viviani) sono l’ultimo lembo di verde antico del centro storico di Verona: alberi colossali patrimonio dell’umanità, per terra la ghiaia, aiuole e qualche fiore sopravvissuto alla “cura” di un paio d’anni fa (sradicamento delle rose selvatiche nell’aiuola al centro e dei fiori attorno al monumento di Garibaldi, sostituzione con canalette di plastica seminterrate e fiori di stagione). Un posto fresco, dove si può riposare, leggere, chiacchierare all’ombra amica e senza il riverbero del marmo.
Ora sembra che la piazza sarà oggetto dell’ennesimo intervento di “riqualificazione”, con una qualche pavimentazione, una vasca d’acqua attorno al monumento di Garibaldi e chi sa cos’altro.
Se tanto ci dà tanto sinora le “riqualificazioni”, vedi piazza Isolo o i giardini di san Nicolò, hanno trasformato le vecchie piazze in siti cimiteriali, dove nel bianco ci si aspetta sempre di inciampare in qualche lapide. I giardini di piazza delle Poste sono assai frequentati sia da chi abita in centro che dai turisti e dalle scolaresche in gita. Sono un pezzo di Verona che non è cambiato ed è piacevolissimo camminare sulla ghiaia, che è stata eliminata quasi dappertutto, una volta c’era anche ai giardini di piazza Bra.
Come abitanti del centro storico, padroni o meno di cani, che tra l’altro amano molto quei giardini, e come cittadini chiediamo che i giardini siano lasciati come sono, magari con una più accurata manutenzione dei prati e dei fiori.
La zona storica di Verona, un tempo centro vivissimo di scambi non solo commerciali ma anche umani e culturali, è stato ridotto ad una grande bottega di reggipetti, mutande e scarpe, con qualche negozio di “firma” (Louis Vuitton al posto di Onestinghel, Intimissimi al posto del “Motta”, una bottega di vestiti al posto della drogheria “Ferrario” e via sbottegando), piazza Erbe è una vetrina per le allodole, per trovare un artigiano, un tempo numerosissimi, bisogna girare col lanternino, e dappertutto, nei vicoli, sui parcheggi blu per i residenti (?), nelle piazzette, ovunque, plateatici di bar e ristoranti, osterie e trattorie “tipiche” (?).
Ora vogliono “riqualificare” anche gli unici giardini rimasti come una volta.
Fermiamo lo scempio, opponiamoci alla città “bottega” in cui tutto si può comprare e vendere, riprendiamoci Verona prima che la devastino del tutto.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
206 / 5000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Gerardo Di DomenicoDa:
Verde e AmbienteIn:
Destinatario petizione:
Comune di Verona

Sostenitori ufficiali della petizione:
Circolo pink

Tags

piazza poste., piazza viviani, raccolta firme, verona

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets