DIMISSIONI NAPOLITANO firma ora

l decreto (n.29 del 5 marzo 2010) stravolge le regole non le interpreta. In claris non fit interpretatio. La legge chiara non richiede interpretazione, specie da chi è parte in causa, come il governo.

In questo caso la legge elettorale vigente era chiara: poneva un termine perentorio per la consegna delle liste; tale termine è stato violato. A mio sommesso avviso, il Presidente della Repubblica non poteva firmare il decreto, che non spiega ma introduce una nuova regola, stravolgendo, a vantaggio di una parte, quella esistente: la nuova regola è che la presenza di una persona nell'ufficio elettorale equivale a consegna della lista elettorale. Un assurdo : si viola la legge attraverso un'altra legge che introduce una regola sbagliata. Questo significa cambiare le regole del gioco, mentre la partita è in corso. Ciò non è ammissibile. Chi detiene il potere cerca di mantenerlo violando le regole . Non c'è più alternanza. Di qui la dittatura.

L’essenza delle libertà civili consiste nel diritto di ogni uomo di rivendicare la protezione delle leggi, tra cui la legge elettorale. La libertà nelle democrazie tende a proteggere il cittadino dall’oppressione attraverso le leggi. La certezza del diritto viene meno perché il continuo mutamento dello stato delle leggi rende i comandi poco affidabili. Le leggi, come il decreto emanato, sono sempre più settoriali e parziali, favorendo alcuni e danneggiando tutti gli altri. Rousseau affermava che la libertà «è fondata dalla legge e nella legge». «Nessuno di voi è così poco illuminato da non sapere che là dove viene meno il vigore delle leggi , non vi può essere né sicurezza né libertà per nessuno». E concludeva: «La libertà segue sempre la sorte delle leggi fondamentali, essa regna e perisce con queste; nulla mi è noto con maggiore certezza». Il punto essenziale è questo: siamo liberi quando obbediamo a leggi generali e uguali per tutti e non a leggi personali cambiate dai governanti- padroni per i loro comodi. Una democrazia «senza quella autolimitazione che è il principio di legalità si autodistrugge». In questo caso si è creato un vantaggio non giustificato a favore di un partito che non ha rispettato il termine, rispetto ad altri partiti che lo hanno rispettato.


Il giudice del TAR che deve applicare il decreto dovrebbe sollevare la questione di Costituzionalità per violazione del principio che la legge è uguale per tutti (art 3). Noi confidiamo che lo faccia.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
41 / 1000000

Firme Recenti

  • 19 maggio 201241. Fortunato Proietti
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 201240. Giove
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 201239. Fiorella
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201238. Linda
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201237. Cassio Granieri
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201236. Asterio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201235. Carina Sorge
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201234. Emiliano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201233. Mercurio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201232. Tullia Zumpano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201231. Domiziano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201230. Onorata
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201229. Plutarco
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201228. Erminio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 aprile 201227. barbara palermo
    è un altro servo delle banche!!!
  • 30 marzo 201026. Fulvio Franco
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 marzo 201025. Che GueDaria
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 marzo 201024. fatamorganaa
    Sottoscrivo questa petizione
  • 11 marzo 201023. viruslox
    Sottoscrivo questa petizione con sdegno e sfiducia
  • 11 marzo 201022. claudio santantoni
    Sottoscrivo questa petizione
  • 10 marzo 201021. Luca Mingrino
    Sottoscrivo questa petizione
  • 10 marzo 201020. duplicevita
    Sottoscrivo questa petizione
  • 09 marzo 201019. Carmine1988
    Sottoscrivo questa petizione
  • 09 marzo 201018. Michele Neri
    Sottoscrivo questa petizione
  • 09 marzo 201017. Rosanna Tarsiero
    Sottoscrivo questa petizione
  • 08 marzo 201016. leonardo garritano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 08 marzo 201015. Gerlando Avenia
    Sottoscrivo questa petizione

vedi tutte le firme

Informazioni

schiavello barbaraDa:
Giustizia, diritti e ordine pubblicoIn:
Destinatario petizione:
Presidente Della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano

Sostenitori ufficiali della petizione:
Cittadini Italiani

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets