DIAMO VALORE al SISTEMA TOSCANO di EDUCAZIONE AMBIENTALE firma ora

La Legge Regionale 22 giugno 2009 n. 30 Nuova disciplina dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana (ARPAT), ha ridefinito le competenze istituzionali di Arpat, ritenendo di escludere da queste l’attività di Educazione Ambientale.
Conosciamo tutti l’eccellente contributo di Arpat alla regia e alla conduzione sul campo del Sistema Toscano di Educazione Ambientale e la perdita che la realtà toscana trarrebbe dalla mancanza delle professionalità maturate all’interno dell’Agenzia.
Vi invitiamo a sottoscrivere e a dare massima diffusione alla petizione in oggetto, così da divenire tutti attori di un sostegno a coloro che hanno lavorato attivamente alla costruzione del Sistema Toscano di E.A. - realtà di eccellenza del nostro Territorio che merita continuità e prospettive future.

Petizione:

DIAMO VALORE al SISTEMA TOSCANO di EDUCAZIONE AMBIENTALE

Destinatari:
c.a. Ass. della Regione Toscana, Anna Rita Bramerini
Ass. della Regione Toscana, Marco Betti
Dir. D.G. Polit. Territ. e Amb. della Regione Toscana, Mauro Grassi
Resp. Area Coord. Prev. Integ. Inquin. e Programm. Amb, Giovanni Barca
p.c. Presidente della Regione Toscana, Claudio Martini
Ass. della Regione Toscana, Gianfranco Simoncini
Dir. D.G. Polit. Formative, Beni e Attività Culturali, Ugo Caffaz

La Legge Regionale 22 giugno 2009 n. 30 Nuova disciplina dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana (ARPAT) ha saputo cogliere i segnali del territorio e ha inteso rafforzare l'attività di controllo dell'Agenzia, prevedendo al tempo stesso uno strumento di straordinaria trasparenza qual è la Carta dei Servizi per favorire il dialogo con il cittadino. La LR n. 30/2009 rilancia l'Agenzia nella sfida ambientale di questo millennio, quale organo di controllo e di informazione di assoluta serietà e scientificità.
Dalla lettura del dettato regionale, abbiamo appreso, però, che il legislatore regionale nel ridefinire le competenze istituzionali di Arpat ha ritenuto di escludere quelle relative all’educazione ambientale.
Sebbene le finalità istituzionali di questo organismo siano di controllo sin dalla sua istituzione, è pur vero che negli anni Arpat ha maturato una notevole esperienza nel settore dell’educazione ambientale, sviluppando al proprio interno competenze professionali di elevata qualità.
Arpat, consapevole dell’importanza di curare l’aspetto culturale accanto a quello tecnico, si è impegnata in processi educativi, poi sfociati nella costituzione del Sistema Toscano di Educazione Ambientale, espressione di una forte volontà politica regionale e della strettissima collaborazione tra D.G. Politiche Territoriali e Ambientali e D.G. Politiche Formative, Beni e Attività Culturali.
In questa cornice innovativa, presa ad esempio a livello interregionale e ritenuta un’eccellenza italiana, Arpat ha svolto egregiamente il ruolo di struttura di supporto tecnico, assicurando una presenza costante sul territorio: Arpat sino ad oggi è stata il cuore-motore di un sistema in continua crescita ed evoluzione, in cui soggetti istituzionali, educatori e operatori hanno trovato elementi di sintesi e di comunione e opportunità di confronto e di relazione.
Il Sistema Toscano per l’Educazione Ambientale ha lavorato in questi anni per creare una base culturale comune attraverso interventi di formazione (di oltre 350 referenti di istituzioni pubbliche ed educatori), intrecciati con un’attività di ricerca per addivenire ad un’EA di qualità. I principi emersi sono stati affermati e diffusi attraverso bandi di finanziamento che hanno orientato il territorio verso progettazioni sempre più integrate e di alto livello, sino a costruire i "patti" (provinciali) con il territorio.
In questo processo di crescita e di consapevolezza del territorio – inteso come istituzioni coinvolte e operatori del settore (educatori, insegnanti, associazioni, cooperative …) - il ruolo propulsivo, di orientamento e di riferimento svolto dal personale dedicato di Arpat è stato innegabile.
***
Per questo motivo crediamo che le competenze e le professionalità maturate dall’Agenzia nel settore dell’educazione e della formazione ambientale debbano essere salvaguardate e valorizzate, e confidiamo nel fatto che la Regione Toscana voglia assicurare continuità al grande lavoro sviluppato dal Sistema Toscano di Educazione Ambientale dal 2002 ad oggi.
Siamo certi e ci auguriamo che l’Ass. Anna Rita Bramerini, proponente della Legge Regionale 22 giugno 2009, n. 30, e la Regione Toscana tutta:
confermeranno la scelta di garantire ai cittadini toscani, giovani e adulti, un’educazione orientata alla sostenibilità, fondata su valori di rispetto e capace di un cambiamento consapevole, e vorranno quindi individuare una soluzione che sappia preservare e utilizzare al meglio le competenze e l’esperienza di Arpat, assicurando stabilità, continuità ed efficacia all’importante operato del Sistema Toscano di Educazione Ambientale, salvaguardandone la doppia anima Ambiente-Istruzione.

Firenze, novembre 2009

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme raggiunto !
111 / 100

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Educazione ambientaleDa:
Verde e AmbienteIn:
Destinatario petizione:
c.a. Ass. della Regione Toscana Anna Rita Bramerini - Ass. della Regione Toscana Marco Betti - Dir. D.G. Polit. Territ. e Amb. della Regione Toscana Mauro Grassi - Resp. Area Coord. Prev. Integ. Inquin. e Programm. Amb Giovanni Barca

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets