DCAmo No ai tagli che tagliano la vita. firma ora

Il Centro per i disturbi del comportamento alimentare (dca) di Gussago è uno dei migliori in Italia per la cura di queste complesse patologie. Il motivo sta nella particolare formula multidisciplinare che viene proposta nel programma: i pazienti vengono seguiti da ogni punto di vista, alimentare, psicologico, psichiatrico e internistico. Si lavora al recupero di un equilibrio nei campi dell'autostima, del rapporto con il cibo, con il corpo e nelle relazioni interpersonali. L'approccio è di tipo cognitivo comportamentale, l'unico efficace dal punto di vista terapeutico, considerando le caratteristiche di questi disturbi: malattie psichiatriche, ma con una componente psicologica importantissima, che condiziona il comportamento distorto del malato di dca. Solo un intervento che punti a modificare questo comportamento a monte, a partire dalle problematiche psicologiche che inducono il malato ad un atteggiamento alterato e non sereno nei confronti del cibo e del corpo, può concretamente indirizzare verso la via della guarigione. E per tutto questo serve tempo, servono medici e professionisti, servono risorse.

L'Azienda Ospedali Civili di Brescia vuole ora mettere in atto dei cambiamenti radicali nel programma del Centro; cambiamenti che minano la buona riuscita del programma terapeutico.

Questi cambiamenti prevedono un drastico taglio del personale, con riduzione paradossale del numero di psichiatri, dietiste ed interniste, non coerente con l'imposizione di aumentare i posti letto. Inoltre si prevede una riduzione significativa dei tempi del trattamento e un'impostazione più farmacologica, del tutto simile a quella vigente in psichiatria.

I motivi sono di natura economica: il trattamento per la cura dei disturbi del comportamento alimentare è costoso per l'Azienda, in quanto lungo e implicante il coinvolgimento di molteplici figure. Tuttavia, è l'unico efficace. I medici del Centro sono contrari a questi cambiamenti; cambiamenti per cui, fra l'altro, non sono stati interpellati, nonostante siano loro le figure più competenti per la cura di dca, nell'ambito degli Spedali Civili di Brescia, considerando la loro lunga formazione ed esperienza di oltre quindici anni con questi pazienti.

I pazienti con disturbi del comportamento alimentare non sono prettamente psichiatrici, per tanto non si possono curare come tali.

I bilanci economici esistono, e non si discute. Tuttavia: è giusto privare le persone affette da patologie invalidanti come i disturbi del comportamento alimentare della cura di prima scelta? Considerate che questo è una delle poche strutture non a pagamento per i pazienti, e che non tutti possono permettersi soggiorni in cliniche private. E' giusto apportare dei cambiamenti ad una terapia convalidata e coronata da molti successi, contro ogni parere dei professionisti esperti a riguardo?!

Le persone con dca hanno diritto a curarsi. Aiutiamole e tuteliamole. Diciamo no ai tagli che tagliano la vita. Il Centro deve continuare a poter fare ciò che ha sempre fatto egregiamente, senza interferenze finalizzate esclusivamente a ridurre i costi. La salute viene prima del portafoglio, le persone vengono prima del denaro.

I disturbi del comportamento alimentare sono patologie il cui significato è molto distante dall'immaginario collettivo. Sono patologie che annullano la persona. Compromettono drammaticamente ogni aspetto dell'esistenza e recano un grado di sofferenza che difficilmente è immaginabile da chi non le ha vissute. Non sono malattie narcisistiche, della moda o del buon tempo... purtroppo queste convinzioni rafforzano il guscio di solitudine in cui questi malati si trovano.

Aiutaci firmando questa petizione per impedire che vengano attuate queste modifiche invalidanti per una struttura che ha fatto e fa molto per i malati di dca. Dai dca si può star meglio, e spesso si può anche guarire... basta trovare la strada giusta...

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
629 / 1000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Rosa DaffiniDa:
SaluteIn:
Destinatario petizione:
Assessore alla sanità della regione Lombardia, Luciano Bresciani

Sostenitori ufficiali della petizione:
pazienti ed ex-pazienti del Centro per i disturbi del comportamento alimentare, associazione giovanile culturale SanaMente

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets