Convenzione di Stoccolma firma ora

Illustrissimo signor Ministro,

intendiamo sottoporre alla Sua attenzione una questione che non esitiamo a definire paradossale e che comporta conseguenze negative per il nostro Paese, sia sul piano dell’immagine sia dal punto di vista economico.
Come Lei ben sa, la Convenzione di Stoccolma è il trattato internazionale che ha portato al bando o alla stretta regolamentazione di contaminanti organici persistenti di particolare pericolosità a livello globale. Si tratta di un accordo di portata storica che ha determinato e determinerà risultati di enorme importanza per il controllo di tali sostanze e per la protezione dell’ambiente dell’intero pianeta.
Allo stato attuale, la Convenzione di Stoccolma è stata ratificata da 176 paesi riconosciuti dalle Nazioni Unite, ad eccezione di poco più di una diecina di Stati. Tra questi ultimi, oltre agli Stati Uniti d’America, l’unico altro importante paese è l’Italia.
Non conosciamo appieno le ragioni della mancata ratifica della Convenzione che comporterebbe per l’Italia costi trascurabili, per non dire nulli. Le sostanze oggetto della Convenzione sono da tempo bandite o strettamente controllate, altre non rivestono interesse per le attività produttive. Altre ancora (diossine e furani) sono sottoprodotti di attività industriali già oggetto di interventi di contenimento.
Al contrario, la ratifica della Convenzione consentirebbe l’accesso a fondi internazionali stanziati per la ricerca sui contaminanti persistenti. Di questi fondi Lei sa che la ricerca Italiana ha un bisogno disperato.
Vale la pena di ricordare che la ratifica della Convenzione di Stoccolma da parte della Cina è stata il risultato di un progetto, sviluppato sotto l’egida delle Nazioni Unite, frutto di una collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri Italiano ed il Governo Cinese. Quindi l’Italia è all’avanguardia nella promozione della Convenzione, pur non avendo ancora provveduto alla sua ratifica.
Confidando nella Sua attenzione ed in Suo autorevole intervento per favorire la ratifica della Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti da parte dell’Italia, Le porgiamo i nostri rispettosi saluti.

Firma La Petizione

Firma con Facebook Firma con Twitter
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook Firma con Twitter
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
55 / 100

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Marco VighiDa:
Politica internazionaleIn:
Destinatario petizione:
Ministro dell'Ambiente

Sostenitori ufficiali della petizione:
Gruppo di Ricerca in Ecotossicologia - Università di Milano Bicocca

Tags

contaminanti persistenti, convenzione di stoccolma, ddt, nazioni unite, pop

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets