Contro il ridimensionamento/accorpamento del reparto di chirurgia vascolare (CENTRO BELOV) ospedale salvini di garbagnate milanese firma ora

F I R M A A N C H E T U !
PETIZIONE
Signor Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
Signor Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi
Signor Ministro della Salute Ferruccio Fazio
Signor Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni
CONTRO IL DRASTICO RIDIMENSIONAMENTO DEL REPARTO BELOV DI GARBAGNATE
CON GRAVISSIME RICADUTE NEGATIVE SUI PAZIENTI
L'angiodisplasia ovvero le malformazioni vascolari congenite, non sono curabili con farmaci e non recedono
mai spontaneamente, anzi recidivano continuamente.
I malati di angiodisplasia hanno necessità di reiterati trattamenti chirurgici per arrestare il proliferare di vasi
venosi, arteriosi, linfatici e capillari, che, anche in modo misto, possono presentarsi in qualsiasi organo e
distretto del corpo, addirittura all'interno delle ossa, creando sistemi vascolari anarchici molto dolorosi, che
danno luogo a complicanze quali trombosi ed emorragie, inglobano o infiltrano organi circostanti e possono
essere gravemente invalidanti e talvolta mortali.
I trattamenti per chiudere le masse di vasi in eccesso o per rimuoverle, sono estremamente delicati, perché le
cellule che li costituiscono sono sensibilissime e possono reagire ai trattamenti come a un trauma con un
proliferare ingravescente. Sono molto dolorosi e richiedono anestesie e terapie del dolore adeguate e
comportano il rischio di necrosi ed emboli. Per trattamenti ed interventi, dunque, e per le stesse indagini
diagnostiche, in parte invasive, ma anche per le decisioni sul trattamento più indicato, è essenziale un Centro
Esperto sulla patologia, pena l’irreversibile compromissione dell’integrità fisica del paziente.
Per gli adulti in Italia oggi esiste un solo Centro con questa esperienza, ed è il REPARTO BELOV
dell’Ospedale Salvini di Garbagnate Milanese, Centro di Riferimento Regionale per le angiodisplasie:
ma l’ente ospedaliero, anziché dotarlo della strumentazione e del personale necessario, di fatto ne
dimezza i posti letti e lo sta accorpando ad altri reparti.
Chiama l’operazione ‘ridimensionamento’, ’ristrutturazione’, ‘accorpamento’, ‘sinergia’, ma distoglie gli
infermieri del reparto, un gruppo formatosi negli anni, fortemente specializzato e motivato, rifiuta
qualsiasi spesa, financo la riparazione del laser che attende da mesi, ci priva delle scarse dotazioni
strumentali, rifiuta l’acquisto di nuove essenziali, distilla presidi farmacologici, ignora le liste d’attesa,
è indifferente alla patologia e alla unicità del Reparto Belov, suo malgrado Centro di Eccellenza
mondiale, è consapevole della nostra predisposizione alle amputazioni progressive.
Dal Sistema Sanitario Nazionale i trattamenti per le angiodisplasie sono considerati alla stregua di semplici
sclerosanti per vene varicose e non sono remunerativi (pochi euro) se si pensa che una alcolizzazione, o
qualsiasi altro trattamento eseguito con cateterismo per chiudere un sistema vascolare anarchico, può
richiedere diverse ore di sala operatoria, la compresenza di specialisti e, a volte, la rianimazione.
Per le caratteristiche della patologia, che può interessare qualsiasi organo e distretto corporeo, sono
essenziali Centri di Esperienza multidisciplinari ospedalieri, dove diversi specialisti possano collaborare nei
trattamenti, dall'ortopedico allo pneumologo, dal cardiologo all'oculista, dall’urologo al neurologo e così
via.Perciò
CHIEDIAMO
che il REPARTO BELOV di chirurgia vascolare dell'Ospedale Salvini di Garbagnate Milanese non
venga smembrato o accorpato ad altri reparti, ma ampliato e meglio dotato per adeguarsi alle
necessità dei malati, costretti a lunghe liste di attesa. Chiediamo che dalla Regione Lombardia
arrivino i fondi per mantenere le assunzioni dei nostri infermieri del nostro reparto e anche per
assumerne di nuovi. Chiediamo, inoltre, a chi di competenza, che vengano creati CENTRI
OSPEDALIERI PUBBLICI per la diagnosi precoce e cura delle malformazioni vascolari rare, con team di
esperti multisciplinari, anche nel CENTRO SUD.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
12 / 5000

Firme Recenti

  • 19 maggio 201212. Doriano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201211. Felice
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201210. Antonia Calvi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20129. Amilcare Marchino
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20128. Estella
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20127. Maruta Cancellieri
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20126. Cleonico Landolfi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20125. Duccio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20124. Leo Osmanovic
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20123. Elita
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20122. Arminio Vezzani
    Sottoscrivo questa petizione
  • 28 giugno 20101. Aurora Meo (non verificato)

Informazioni

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets