APPROVIAMO LA LEGGE REGIONALE SULLA MOBILITA' CICLISTICA DELLA REGIONE ABRUZZO firma ora

La proposta di Legge Regionale “Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica” è quella presentata dal gruppo consiliare del Partito Democratico della Regione Abruzzo
Il Coordinamento Ciclabili Abruzzo Teramano, rappresentante 46 associazioni e enti nel campo della sensibilizzazione sulla mobilità ciclistica, esprime il proprio compiacimento per il successo delle numerose iniziative promosse dai Comuni abruzzesi, tra cui Pescara e Teramo, in occasione della “Giornata nazionale della bicicletta” ed auspica maggiore attenzione da parte della Regione nei confronti del tema suddetto.
L’ iniziativa del 9 maggio, partita dal Ministero dell’Ambiente, ha ufficializzato le decine di iniziative analoghe che ogni anno associazioni di varia natura organizzano sul territorio nazionale. Basta ricordare, per tutte, “Bimbimbici” di Legambiente o Bicincittà della Uisp – Unione nazionale sport per tutti.
Gli sforzi delle singole amministrazioni, tra cui ricordiamo Teramo che ha avuto rilevanza internazionale con le proprie iniziative presentate a Bruxelles in occasione del patto dei Sindaci, potrebbero, però, risultare vani in assenza di una normativa regionale apposita che permetta a Comuni e Province di operare in presenza di un progetto di rilevanza regionale.
Per questo il Coordinamento chiede a tutti i consiglieri regionali una veloce approvazione della proposta di Legge Regionale “Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica” presentata dal gruppo consiliare del Partito Democratico della Regione Abruzzo.
La legge è quanto mai necessaria vista la carenza, nella legislazione regionale abruzzese, di una norma moderna che favorisca la mobilità ciclistica, una realtà invece in molte regioni italiane del centro-nord. Un progetto di legge quello del PD, condivisibile da tutte le forze politiche, che ha lo scopo di promuovere la ciclabilità e la ciclopedonalità in tutti i suoi aspetti, come elemento della mobilità sostenibile urbana ed extra-urbana nella Regione Abruzzo.
L’obiettivo è duplice: da un lato consentire, attraverso percorsi sicuri e protetti, un reale utilizzo della ciclabilità come alternativa soprattutto al mezzo privato, dall’altro lato sviluppare in modo compiuto una politica turistica e ambientale fondata sull’uso delle due ruote e sulla riscoperta del nostro paesaggio. Ma il progetto di legge mira con forza a sostenere anche la mobilità pedonale attraverso la realizzazione ed il completamento di percorsi ciclabili e la creazione di una rete (interconnessa, protetta e dedicata) di itinerari ciclabili e ciclopedonali attraverso località di valore ambientale, paesaggistico, culturale e turistico anche con la creazione di una rete di punti di ristoro. Importante anche l’aspetto pianificatorio del progetto di legge: province e comuni programmeranno gli interventi in favore della ciclabilità, completando e distribuendo sul territorio l’effetto applicativo del Piano regionale.
Grazie alla legge i comuni avranno la possibilità, con il supporto degli appositi uffici mobilità ciclistica regionali e provinciali, di prevedere itinerari e piste ciclabili e ciclopedonali all’interno dei propri strumenti urbanistici e di realizzare iniziative utili alla promozione della mobilità ciclistica.
Un ruolo importante quello assegnato agli Enti locali che per primi dovranno misurarsi non solo nella promozione dell’uso della bicicletta ma anche nel favorire la creazione di “nuovi spazi” che diverranno anche un modello sostenibile di concepire lo sviluppo edilizio del territorio.
Una sfida non facile visto che i numeri sulla ciclabilità in Abruzzo non sono confortanti: il rapporto Ecosistema urbano 2009 di Legambiente individua tra le peggiori città d’Italia per la ciclabilità (indice sulla ciclabilità calcola i metri equivalenti di piste ciclabili ogni 100 abitanti) due capoluoghi di provincia come Teramo e L’Aquila. Un gap da colmare rispetto anche alla dimensione regionale della ciclabilità che vede l’Abruzzo molto indietro rispetto a tutte le regioni del centro-nord come Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Toscana, dove sono concentrate l’80 per cento delle piste ciclabili italiane, il 33 per cento nella sola Emilia-Romagna, mentre soltanto il 6 per cento nelle regioni meridionali (dati Legambiente rapporto 2Ambiente Italia”).

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
187 / 5000

Firme Recenti

  • 12 ottobre 2012187. Laura Giovanni
    Sottoscrivo questa petizione
  • 21 settembre 2012186. flory6840
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 settembre 2012185. ANTONELLA TOTTONE (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 settembre 2012184. Francesco Frasca
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 settembre 2012183. Maria Chiara Sartorelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 15 settembre 2012182. RebeOrso
    Sottoscrivo questa petizione
  • 01 agosto 2012181. Giorgio Moneta
    Sottoscrivo questa petizione
  • 01 giugno 2012180. Marta Scarponi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 2012179. Eutalio Righino
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012178. Alice
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012177. Ortensia
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012176. Cremenzio Cuviello
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012175. Alberico
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012174. Iginio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012173. Benigna Costa
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012172. Delia Belladonna
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012171. Feliciano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012170. Aresio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012169. Evidio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 febbraio 2012168. Sefora Inzaghi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 febbraio 2012167. Roberta Dominizi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 febbraio 2012166. PIETRO ASSETTA (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 febbraio 2012165. Eleonora
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 febbraio 2012164. Giuliano Graziani
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 febbraio 2012163. Enrico Iucci
    Sottoscrivo questa petizione
  • 20 febbraio 2012162. Domenico Mancinelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 febbraio 2012161. TheMic
    Sottoscrivo questa petizione

vedi tutte le firme

Informazioni

r.dimarcelloDa:
Trasporti e infrastruttureIn:
Destinatario petizione:
CONSIGLIO REGIONALE REGIONE ABRUZZO

Sostenitori ufficiali della petizione:
COORDINAMENTO CICLABILI ABRUZZO TERAMANO

Tags

abruzzo, bicicletta, legge regionale, piste ciclabili, regione abruzzo

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets