APPELLO PER UNA MOBILITAZIONE PERMANENTE IN DIFESA DELLA DIGNITÀ DELLA SCUOLA PUBBLICA firma ora

Dopo decenni di politiche scolastiche che hanno visto una sistematica riduzione delle risorse per la scuola pubblica;
dopo lo “sbatti il mostro in prima pagina” del ministro Brunetta con la sua guerra ai “fannulloni”del pubblico impiego;
dopo il taglio di 130000 posti di lavoro e il risparmio di 8 miliardi di euro per le casse dello stato che hanno visto peggiorare drasticamente le condizioni di lavoro del personale scolastico;
dopo il blocco dei contratti fino al 2013, che provocherà la de pauperizzazione dei redditi dei lavoratori;
dopo la riforma Gelmini che vedrà deperire le università italiane;
dopo la” telenovela”sul ripristino degli scatti d’anzianità,
si arriva all’oggi e all’infamante accusa che viene rivolta da Berlusconi agli insegnanti, ossia quello di “ammaestrare”gli alunni secondo principi che nulla hanno a che fare con le aspettative delle famiglie.

Come tutti sanno il lavoro dell’insegnante è regolato dai principi sanciti dalla Costituzione, primo fra tutti la libertà d’insegnamento, e ci deve stupire e fare riflettere che il capo del Governo se ne esca con la sparata “della scuola pubblica contro la famiglia”, perché dimostra ancora una volta di non conoscere i principi della nostra Carta.

Ma non si può continuare a pensare che le sue siano intemperanze estemporanee, frutto di una megalomania senza controllo; è ormai evidente a tutti come Berlusconi stia sistematicamente accentuando i suoi aspetti più reazionari, diventando sempre più simile a un piccolo Napoleone che ha in spregio le più elementari regole democratiche. Se non vogliamo correre il rischio di ritrovarcelo presidente della Repubblica è necessaria una svolta.
Bisogna dare una risposta alta all’attacco contro la scuola pubblica che viene portato dal Governo attraverso il primo ministro.

Gli scioperi attuati dal 2007 ad oggi hanno ottenuto scarsi risultati perché effettuati nell’isolamento generale, è necessario cambiare strategia; la Scuola appartiene alla Società, è la società che la deve difendere, il tempo è maturo per una lotta generale.

Negli ultimi mesi si è sì manifestata nelle piazze un’opposizione di massa contro il governo, dai metalmeccanici della Fiom, agli studenti, fino alle donne che hanno riempito le piazze il 13 febbraio. Un’opposizione che non è però riuscita, per la sua discontinuità e divisione, a scalfire l’arroganza berlusconiana.

Il popolo della scuola si deve inserire nel solco delle mobilitazioni precedenti, chiamare a lottare gli altri lavoratori, evitando però di fare gli stessi errori; è vitale dare continuità alle lotte.
Non basta più riempire le piazze per un giorno e sperare che qualcosa cambi.

Il 12 marzo, giornata in difesa della costituzione, deve segnare l’inizio di una mobilitazione permanente che, assediando quotidianamente i palazzi del potere berlusconiano, si ponga l’obiettivo della cacciata del governo.
I popoli del Nord Africa ci dimostrano che dittature apparentemente eterne sotto la spinta delle lotte popolari si sciolgono come neve al sole: seguiamone l’esempio.

Comitato in difesa della scuola pubblica San Giuliano milanese

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
41 / 1000

Firme Recenti

  • 20 agosto 201241. Adele Solimani
    Scuola, partono i tagli.21 mila posti in meno x i professori
  • 20 agosto 201240. marina stravolo
    gaffe d Profumo ci fa ricordare l'incompetenza della Gelmini
  • 19 maggio 201239. Galdino Costarella
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201238. Elvezio Della rocca
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201237. Feliciano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201236. Manuele
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201235. Ciriaco
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 201234. Prisca
    Sottoscrivo questa petizione
  • 28 dicembre 201133. Marley Tinti
    Docenti di sostegno, causa a Roma contro la loro riduzione
  • 15 ottobre 201132. Christian Morrisi
    Ha mai pensato di dimettersi, ministro Mary "Falling" Star?
  • 02 luglio 201131. Valeria Vannini
    Le esternazioni della Gelmini sono demenziali, è un’oscenità
  • 25 giugno 201130. Teresa Faessler
    Berlusconi e Gelmini fan(culo) club unisciti anche tu!
  • 20 giugno 201129. Pete Poronga
    IO VADO CONTRO-NANO, STO CON I PRECARI,CON L’ITALIA PEGGIORE
  • 17 giugno 201128. paolo resinelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 31 maggio 201127. Iván Ramos
    i laureati votano a sx,ecco xkè Gelmini taglia l’istruzione
  • 29 marzo 201126. davide puglielli
    Firma Petizione contro "classi pollaio e riorientamento"
  • 28 marzo 201125. omgdutch 2005
    Adesso la Gelmini deve risarcire i precari della scuola
  • 11 marzo 201124. Liliana Guarino (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 11 marzo 201123. PAOLA SETTILI
    Sottoscrivo questa petizione
  • 09 marzo 201122. Roy Hamilton, Jr
    Le scuole italiane? Vecchie e insicure (e mai collaudate)
  • 08 marzo 201121. Omero Fluido
    aderisco il 12 marzo divento 'Partigiano della conoscenza'
  • 05 marzo 201120. Maria Angela Masseti (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione perchè lavoro nella Scuola e pe
  • 04 marzo 201119. Claudia Salomoni (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 04 marzo 201118. francesco d'onofrio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 04 marzo 201117. gianna baroncelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 04 marzo 201116. Maria Emanuela Tabaglio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 04 marzo 201115. Stefania Marcelli
    Sottoscrivo questa petizione

vedi tutte le firme

Informazioni

anna parisiDa:
Scuola ed educazioneIn:
Destinatario petizione:
presidente della repubblica

Sostenitori ufficiali della petizione:
comitato in difesa della scuola pubblica San Giuliano Milanese

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets