Appello a Giorgio Napolitano di Ferdinando Imposimato [01/01/2010] firma ora

Illustre signor Presidente della Repubblica,


mi consenta di esprimere pubblicamente la mia perplessità circa il Suo appello a riforme istituzionali condivise, di cui però si ignorano i contenuti. Se le riforme riguardano materie bocciate dal referendum 2006, - senato federale, premierato e Consulta- credo sia legittimo chiedere che non siano riproposte. D'altra parte una riforma prioritaria concerne il conflitto di interessi, che riguarda la libertà e il pluralismo della informazione (art 21 cost), di cui nessuno parla. Mi sarei aspettato che la riforma proposta dalla opposizione riguardasse il superamento del controllo di tutte le TV da parte del Premier. Talune delle coscienze più sensibili del nostro Paese- Paolo Sylos Labini, Giorgio Bocca, Giovanni Sartori e Vito Laterza- fin dal 1994 lamentarono la violazione del decreto presidenziale 30 marzo 1957 n 361 che all'articolo 10 contempla il caso Berlusconi: “Non sono eleggibili coloro che in proprio o in qualità di rappresentanti legali di società o di imprese private, risultino vincolati con lo Stato per concessioni o autorizzazioni amministrative di notevole entità economica...”. Quando Berlusconi fu eletto, il Parlamento concluse per la sua eleggibilità, in base ad un'assurda interpretazione della legge. Sartori ammonì: “io mi rifiuto di giocare a scacchi contro qualcuno che ha due regine perché così lui vince sempre ed io perdo sempre”. Ed è ciò che accade da anni. Non credo che questo si possa tollerare oltre.


La preoccupazione aumenta perché in base alle ricerche del Censis e dell'Unione Stampa cattolica siamo il Paese in cui la popolazione guarda la TV per tre ore e quaranta minuti al giorno, la media più alta d'Europa. Mentre il consumo di carta stampata si è di molto ridotto. Gli italiani sono videodipendenti. La TV costituisce il mezzo di (dis)informazione fondamentale di questo paese. Si può parlare di dittatura mediatica, nonostante le apparenze di libertà. Cinque delle sei TV sono direttamente o indirettamente controllate dal premier per ragioni di proprietà (mediaset) e di controllo politico (RAI). Al Presidente del Consiglio non può essere consentito di promuovere riforme esiziali per la democrazia solo perché ha subito una aggressione deprecabile le cui conseguenze non devono riflettersi sui cittadini. Albert Einstein, dall'America profetizzò 65 anni fa: “ Le moderne democrazie mascherano regimi tirannici: utilizzano i mezzi di comunicazione di massa come strumenti di disinformazione e di stravolgimento delle coscienze degli uomini”. La stessa analisi vale per l'Italia ove esiste un pensiero unico dominante nella informazione monopolizzata che brilla per la falsificazione delle notizie e i silenzi su questioni cruciali, come i rapporti mafia-politica. Per questo occorre uscire dal vago: democrazia è trasparenza e controllo. E la chiarezza e il controllo mancano nella partita delle riforme.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
588 / 100000

Firme Recenti

  • 19 maggio 2012588. Rosmunda Ferretto
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 2012587. Uliva
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 2012586. Leone
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012585. Santo Cordino
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012584. Matteo Spinelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012583. Oderico Intilla
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012582. Fleano Valanzano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012581. Floriano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012580. Gosto Poletti
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012579. Araldo Vendemia
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012578. Emilia
    Sottoscrivo questa petizione
  • 21 febbraio 2012577. Salvatore Suppi
    L’Italia costruita su uno spaventoso minimalismo culturale
  • 25 ottobre 2011576. mauro bianchi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 05 luglio 2011575. Scott Hart
    Mondadori,legge ad personam ritirata,ADESSO BERLA E' FINITO
  • 17 giugno 2011574. CARLA LOVATTO
    Sottoscrivo, Papi non tira a campare, tira a comprare
  • 02 giugno 2011573. Kelly Birchard
    Due giugno, Berlusconi fischiato a piazza Venezia
  • 06 maggio 2011572. Alan Tigel
    • Sottoscrivo in segno di protesta contro la riforma Gelmini
  • 16 marzo 2011571. Cheri Bowyer
    Ue"Probabili altri eventi catastrofici in Giappone"B.cieco
  • 15 marzo 2011570. Candy Shrefman
    Barroso: "Non intelligente tagliare sull'istruzione"
  • 12 marzo 2011569. Kekko Bunni
    Sottoscrivo la petizione12 marzo'Partigiani della conoscenza
  • 09 marzo 2011568. Roy Hamilton, Jr
    Politica e camorra Nick Cosentino domani a processo
  • 15 febbraio 2011567. Nicole Ramin
    la Sanjust:B mi ha distrutto la vita,non solo a te cara
  • 12 febbraio 2011566. Coordinamento Gelmini no grazie
    scioglimento delle Camere senza se e senza ma
  • 11 febbraio 2011565. Jill McLaughlin
    “ciarpame senza pudore”presidnte, alzi la schiena e madalo a
  • 05 febbraio 2011564. William Rose
    presidente troppo discreto e silenzioso contro il Bandito
  • 25 gennaio 2011563. Anna Jessica Sinan
    Lerner ha ragione, Berlusconi è un cafone e offende le donne
  • 24 gennaio 2011562. CAMILLA MOGETTA
    Da 6 mesi governo fermo,disoccupazione e corruzione dilagano

vedi tutte le firme

Informazioni

Tags

anna finocchiaro, dario franceschini, edmondo berselli, francesco barbato, giancarlo giannini, ignazio marino, nichi vendola, sandra amurri, sandro ruotolo, vincenzo consolo

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets