StopTSO sign now

Petizione contro il Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO)

Il Gruppo EveryOne, nell'àmbito delle sue campagne e delle sue azioni a tutela dei Diritti Umani, chiama a raccolta tutte le persone non ancora accecate dalla cultura del pregiudizio, dell'odio, dell'ostilità nei confronti di chi è debole e diverso, affinché diano il via a un movimento di opinione che si opponga alle nuove persecuzioni istituzionalizzate (si dia un'occhiata ai portali www.annesdoor.com e www.everyonegroup.com. Una delle forme più gravi di violazione dei Diritti Umani è sicuramente il Trattamento Sanitario Obbligatorio, che ricorda da vicino i ricoveri e le terapie coatte applicate dai nazisti nei confronti di chi l'autorità ritenesse "asociale". Firmiamo la Petizione contro il TSO e diffondiamone il testo presso amici, conoscenti, siti internet, media.

Il Progetto-obiettivo 1994/96 in applicazione del II comma della legge 180 (Legge Basaglia) prevede :Il T.S.O. (Trattamento Sanitario Obbligatorio)
che è un provvedimento emanato dal Sindaco che dispone che una persona sia sottoposta a cure psichiatriche contro la sua volontà, normalmente attraverso il ricovero presso i reparti di psichiatria degli ospedali generali (SPDC - Servizi Psichiatrici di Diagnosi e Cura).

In alcune zone del nostro paese è uso consolidato attuare il TSO, oltre che nei reparti psichiatrici, anche presso il domicilio della persona. Ma in linea generale e nella stragrande maggioranza dei casi, il provvedimento di TSO si risolve nell'accompagnamento coatto, tramite i vigili urbani, presso i reparti psichiatrici

La legge regola due istituti di coercizione: l'A.S.O. (accertamento sanitario obbligatorio) e il T.S.O. (trattamento sanitario obbligatorio).

Il Sindaco può emanare l'ordinanza di TSO nei confronti di un libero cittadino solo in presenza di due certificazioni mediche che attestino che: 1. la persona si trova in una situazione di alterazione tale da necessitare urgenti interventi terapeutici; 2. gli interventi proposti vengono rifiutati; 3. non è possibile adottare tempestive misure extraospedaliere.

Le tre condizioni di cui sopra devono essere presenti contemporaneamente e devono essere certificate da un primo medico (che può essere il medico di famiglia, ma anche un qualsiasi esercente la professione medica) e convalidate da un secondo medico che deve appartenere alla struttura pubblica. La legge non prevede che i due medici debbano essere psichiatri.

Il ricovero avviene esclusivamente presso il SPDC ( Servizio psichiatrico di diagnosi e cura ospedaliero) competente per territorio. In eventuale mancanza di posti letto nel SPDC competente è data facoltà di espletare il ricovero presso il SPDC più vicino.

Quindi,come vediamo, la legge 180 che ha abolito i manicomi, in realtà prevede uno strumento coercitivo altrettanto grave, dato che il Trattamento obbligatorio viene posto in essere principalmente quando il soggetto si rifiuta, non vuole essere trasportato presso il SPCD.

Il T.S.O. è un sequestro di persona legalizzato che impone a chi lo subisce un bombardamento di farmaci deleteri per il fisico e per la psiche, in non pochi casi somministrati a persone legate al letto di contenzione e persino l'elettroshock! Al punto che Thomas Szasz lo definisce un crimine contro l'umanità.

In Italia, nazione in cui il Tso rappresenta un uso consolidato, è tristemente famosa la vicenda del Sign. Giuseppe Casu , un venditore ambulante che Giovedì 15 Giugno 2006 in piazza IV Novembre a Quartu (Cagliari) viene caricato, ammanettato alla barella e portato via per un ricovero coatto in psichiatria (voluto dall'amministrazione di Quartu) dopo essere stato precedentemente sbattuto a terra ed immobilizzato

Il ricovero coatto viene giustificato da uno stato di agitazione psicomotoria: il signor Casu dava in escandescenze (ma chi non si sarebbe agitato a seguito di un aggressione come quella subita da lui e del tentativo di essere trasportati coattivamente in un centro di cura mentale?)

Legato mani e piedi a un letto e imbottito di psicofarmaci, rimarrà in questo stato, ininterrottamente per sette giorni, fino alla sua morte, avvenuta il 22 giugno per "tromboembolia-venosa".

"Sgombero Forzato: se ne va anche l'ultimo ambulante" titola l'Unione Sarda il giorno seguente. È falso, Giuseppe Casu non è l'ultimo ambulante, ma è stato colpito in maniera esemplare per ottenere il risultato di sgomberare la piazza dagli abusivi!

Il comitato sorto per chiedere verità nella vicenda del Signor Casu è riuscito ad ottenere l'apertura di una inchiesta che però si è risolta con un nulla di fatto!

E' in atto una pesante offensiva, che possiamo ben definire guerra, condotta in nome della legalità contro: immigrati, drogati, ambulanti, lavavetri, rom e contro tutti coloro che non vogliono rimanere imbrigliati nelle reti di un potere sempre più oppressivo e totalizzante, in cui la psichiatria svolge un ruolo più che attivo,riuscendo a reintrodurre le carcerazioni arbitrarie proprio come avveniv a nel nazional-socialismo, tempo in cui i medici arrestavano e conducevano i socialmente indesiderati nei campi di concentramento o nelle cliniche della morte per i programmi di cura e sterminio. Si ricorda infine che sabato 13 Ottobre 2007, in P.zza Verdi, a Bologna, cinque ragazzi del "Fuoriluogo" sono stati portati in questura dopo essersi opposti al tentativo di portare via una ragazza per somministrarle il TSO.




Per il Gruppo EveryOne, laura Todisco, Roberto Malini, Matteo Pegoraro, Dario Picciau




Per informazioni, scrivere a [email protected]


Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal reached !
50 / 50

Latest Signatures

  • 10 December 201550. Oriana Dei
    I support this petition
  • 23 November 201549. Katerina Craig
    Stop TSO!
  • 11 November 201548. Robertino B
    I support this petition
  • 05 November 201547. Carolina M
    la malattia mentale non esiste, essa è una invenzione della società per peseguitare chiunque non si conformi alle sue regole
  • 04 November 201546. Marco M
    no TSO!
  • 29 October 201545. Scarascia C
    I support this petition
  • 29 September 201544. Francesco C
    ho subito un tso_il tso è un crimine
  • 18 July 201543. Stefano M
    I support this petition
  • 16 May 201542. Chiara G
    I support this petition
  • 18 January 201541. Alessandra B
    d'accordissimo, potrebbe capiatre a chiunque e quindi va trattato con estrema cautela
  • 15 November 201440. Daniele Lam
    stop TSO
  • 03 August 201439. Barbara Gordon
    stop Tso
  • 11 June 201438. Giovanna Haynes
    I support this petition
  • 30 May 201437. Marcello S
    I support this petition
  • 21 May 201436. Michela P
    I support this petition
  • 30 July 201335. Luca Matthews
    I support this petition
  • 02 April 201334. Leoni T
    I support this petition
  • 17 February 201333. Lugli S
    I support this petition
  • 11 February 201332. Lucia A
    I support this petition
  • 29 January 201331. Roy C
    I support this petition
  • 19 December 201230. Laura T
    I support this petition
  • 17 November 201229. Valentina M
    I support this petition
  • 02 August 201228. Davide O
    I support this petition
  • 30 May 201227. Giorgio A
    I support this petition
  • 11 August 201126. Iris Cobb
    I support this petition
  • 04 June 201125. Roberto M
    La medicina serve per curare, non per reprimere.
  • 28 March 201124. Lorenzo C
    I support this petition

browse all the signatures

Information

Sherrie FisherBy:
MusicIn:
Petition target:
Governo Italiano, Parlamento Italiano, Ministero della Sanità,Commissione Europea

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets