Selezioni basate sul merito e aperte a tutti, non "stabilizzazioni". sign now

Selezioni basate sul merito e aperte a tutti, non "stabilizzazioni".
-------------------------------------------------------------------------

La questione delle cosiddette stabilizzazioni del personale
di ricerca precario, finora rimasta confinata nell'ambito sindacale,
e' talmente importante per il futuro della ricerca che e'
necessario che tutte le componenti del mondo scientifico possano esprimersi.
E' chiaro che ogni stabilizzazione perseguita retroattivamente
per legge costituisce una distorsione nel normale percorso di
accesso alla professione. Se al momento del concorso ad un posto
(o borsa, assegno etc.) a tempo determinato fosse stato chiaro
a tutti che quello sarebbe diventato "ope legis" un biglietto d'accesso
preferenziale alla posizione permanente, le scelte di molte
persone sarebbero state differenti.
Molti di noi firmatari di questo appello, ad esempio, hanno
fatto una scelta diversa e spesso piu' impegnativa: andare
a proseguire gli studi e la ricerca all'estero, per acquisire
conoscenza utile a noi e, possibilmente, anche al Paese.
Adesso pero' percepiamo il rischio sempre piu' concreto
che i pochi spazi aperti ai giovani ricercatori/ricercatrici
in Italia nei prossimi anni siano distribuiti in maniera
slegata dal merito e dal curriculum, ovvero con criteri che
premiano l'anzianita' presso gli Istituti italiani ed escludono
completamente tutti coloro che sono all'estero o per qualsiasi
ragione non si trovino "al posto giusto al momento giusto".
Il doloroso problema del precariato non si risolve favorendo
arbitrariamente alcune figure di ricercatori ai danni di altre.
Crediamo quindi che la sola via per ripristinare il valore del
merito e per evitare una interminabile e disastrosa guerra tra poveri
sia quella di indire da subito concorsi aperti a tutti, italiani
e stranieri, senza riserve stabilite per legge a favore di nessuno.
Il riconoscimento del merito fa bene alla Ricerca e al Paese;
ogni altro criterio fa bene solo a pochi prescelti.

1) Luca Amendola (INAF/OAR, Roma)
Vincenzo Antonuccio-Delogu (INAF/OACT, Catania)
Marco Bruni (U. di Portsmouth, UK)
Elisabetta Majerotto (U. di Portsmouth, UK)
5) Domenico Sapone (U. di Ginevra, Svizzera)
Valeria Pettorino (U. di Heidelberg, Germania)
PierStefano Corasaniti (CNRS, Francia)
Marco Baldi (MPI Garching, Germania)
Cristiano Germani (SISSA, Trieste)
10) Paolo Serra (U. La Sapienza, Roma)
Giuseppe De Risi (U. di Portsmouth, UK)
Roberto Trotta (Oxford, UK)
Alfio Bonanno (INAF/OACT, Catania)
Claudia Quercellini (U. Tor Vergata, Roma)
15) Alessandra Silvestri (U. Syracuse, USA)
Cosimo Fedeli (ITA Heidelberg, Germania)
Francesco Zamponi (CNRS, Francia)
Manuela Giordano (U. della Calabria)
Chiara Caprini (SPT Saclay, Francia)
20) Daniele Dini (Imperial College London, UK)
Paolo Bernardini (Università dell'Insubria, Como)
Daniele Oriti (ITP Utrecht, Olanda)
Viviana Acquaviva (Princeton, USA)
Eva Riccomagno (Dip. Matematica, U. di Genova)
25) Stefano Foffa (U. di Ginevra, Svizzera)
Fabrizio Altarelli (Univ. Sapienza, Roma)
Bruno Giacomazzo (MPI, Albert Einstein Institute Potsdam, Germania)
James Foadi (Imperial College London, UK)
Stefano Zibetti (MPIA Heidelberg)
30) Anna Gallazzi (MPIA Heidelberg)
Fabio Fontanot (MPIA Heidelberg)
Gustavo Rinaldi Ph.D. (Imperial College)
Marialuisa Pellegrini-Calace (European Bioinformatics Institute, Cambridge, UK)
Paola Michialino (Newcastle University, UK)
35) Angela Marinoni (ISAC - CNR)
Serena Criscuoli (INAF/OAR)
Stefano Mineo (MP Institut für Astrophysik Garching, Germania)
Paolo Tozzi (INAF/OATS)
Nico Cappelluti (MPI Extraterrestrische Physik Garching, Germani)
40) Luciano Mantegazza (INAF/OAB)
Monica Tosi (INAF/OAB)
Carlotta Gruppioni (INAF/OAB)
Bianca Garilli (INAF, IASF-Milano)
Claudia M. Raiteri (INAF/OAT)
45) Davide Lazzati (JILA, University of Colorado at Boulder, USA)
Leo Girardi (INAF/OAPd)
Massimo Della Valle (INAF/OAA)
Nicola R. Napolitano(INAF/OACapodimonte)
Gian Luigi Granato (INAF/OAPd)
50)Luigi Guzzo (INAF/OAB)
Mario Vietri (SNS, Pisa)
Pasquale Blasi (INAF/OAA)
Walter Fulgione (INAF/IFSI-To)
Giovanni Pareschi (INAF - OAB)

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal reached !
100 / 100

Latest Signatures

browse all the signatures

Information

Sam BondBy:
Transport and infrastructureIn:
Petition target:
Ministro dell'Universita' e Ricerca, On.le F. Mussi

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets