Proposte concrete per l'open source nella PA italiana sign now

Lettera aperta alla Senatrice Magnolfi:


A fronte della nuova commissione sull'open source e' positivo che non si parta da zero ma si riprenda dalla commissione Stanca (diretta dal prof. Meo), cosi' da garantire continuita' al lavoro fin qui fatto, e soprattutto cosi' da svincolare i temi del floss dai conflitti politici.


Mi permetto di evidenziare un problema concreto con un esempio un po' sintetico, e per questo un po' lacunoso, nella speranza che lei Senatrice, essendosi interessata alla tematica ed essendo sottosegretario in un Ministero "coinvolto", possa fare qualcosa in concreto:


Se fossi un avvocato a Milano e dovessi fare un decreto ingiuntivo, firmare un bilancio, accedere ai servizi sanitari ed identificarmi con una carta d'identita, dovrei girare con 4 smarcard nel portafoglio: smartcard che attestano 4 volte la mia identita'.

Dovrei avere, infatti, una smartcard per il PCT (Processo Civile Telematico), una CIE (carta d'identita' elettronica), una tessera sanitaria CNS (carta nazionale servizi), ed una smartcard per firmare bilanci od altro (notoriamente ABBANDONATA dal commercialista). A dire il vero usufruendo dei benefici della Regione Lombardia sul gas-auto si puo' ottenere una quinta tessera: una smartcard per ottenere il 10\% di sconto sui rifornimenti (direttamente dal benzinaio).


Posso solo ringraziare il cielo che la Regione Lombardia per la gestione dei servizi sanitari parla con il CNIPA e quindi non si e' inventata una sua CNS. Mi chiedo, pero', perche' solo il Comune di Grosseto, Trento e pochi altri, si sono presi la briga di pensare che gli strumenti per gestire le card con cui tratta (CIE e CNS) dovessero essere oggetto di applicativi condivisi (FLOSS) ed inoltre crossplatform, per essere fruibili da tutti i cittadini, ed avere costi contenuti sia per i cittadini che per la PA.


Ad oggi i Ministeri coinvolti e la Regione Lombardia hanno speso soldi, direttamente o indirettamente, per :

1.Studiare come identificare un cittadino
2.Realizzare un'infrastruttura informatica per l'interscambio dati con il cittadino. Lo hanno fatto da soli o con il CNIPA, ma non parlando tra loro(?!).
3.Hanno pagato programmi che sono risultati piu' o meno validi, programmi per l'ufficio che deve gestire i contatti con il pubblico o ricevere i dati digitali. Per avere un'idea su cosa e' un ECO-MOSTRO informatico chieda che fine fa il primo redattore al Ministero della Giustizia di cui e' sotto segretario.


In tutto questo, suppongo che se un giorno in Piemonte decidono di copiare la Lombardia per la sanita' ripartiranno da ZERO: eppure gia' il CNIPA ha segnalato a tutta la PA di condividere le informazioni ed i progetti informatici.

Portare il floss nella pubblica amministrazione significa ORDINARE esplicitamente con parole chiare e semplici ai vari ministeri che se pagano un applicativo che poi e' di loro esclusiva proprieta', come al Ministero della Giustizia, questo e' si un BENE intangibile, ma, pur sempre un BENE pubblico, condivisibile con gli altri ministeri e con i cittadini italiani e le imprese italiane e DEVE finire sull'ASC del CNIPA ogni giorno e tutti i giorni*.

Da quest'obbligo vanno esonerati i limitati gruppi come min. Difesa e quant'altri lavorano su sw che non e' il caso diffondere: e certo un min. Giustizia che comunque diffonde il suo NIR/Redattore/etc ai cittadini non puo' essere incluso nella lista.


Lo scopo di queste attivita' e' di EVITARE che ogni ministero crei un'autostrada informatica con i suoi caselli per l'autenticazione e con i suoi particolari telepass pretendendo di divenire piena di esperti sul tema e di decidere se le auto che dovranno percorrerla devono essere blu o rosse, alte o basse: perche' se l'autostrada invece di digitale fosse fisica, gia' da tempo, sarebbe chiaro a tutti che e' UNO SPRECO DI RISORSE e TEMPO costruire 5 identita' digitali per una persona fisica e pretendere di fare 5 strade nuove quando vari servizi potrebbero convergere, in'unica smartcard, un'unica identita' e ridotte autostrade informatiche.


Pubblicare i sorgenti di quanto sviluppato permette di constatare che piu' ministeri lavorano sulle stesse attivita' (cioe' BUTTANO via TEMPO e DENARO); permettera', inoltre, alle aziende private di fornire ulteriori servizi sulle stesse piattaforme, riusando programmi che qualcuno ha gia' pagato (ad esempio in ufficio entro in rete con la smarcard che mi identifica per lo sconto sul gas auto, o salvo i punti della spesa sulla tessera sanitaria). E' chiaro che ci sono problemi di privacy, ma esistono gia' ora, ed oggi non si trova un cittadino italiano che sappia se/come sono stati risolti.


Per fare qualche esempio di mancato dialogo: Sogei per l'Agenzia delle Entrate e quindi il ministero delle Finanze ha scritto applicazioni come quella dell'Unico 2007 che sono dei motori di scripting per la gestione di documenti xml/pdf. Guarda caso, lo stesso ha fatto Datamat per il Ministero della Giustizia con il software NIR. In entrambi i casi, per questo bene pubblico, si sono dimenticati della licenza e si sono dimenticati di pubblicare il sorgente o renderlo fruibile quanto meno tra ministeri. Avendo provato a far funzionare entrambi i software su gnu linux ho avuto il dispiacere di scoprire come siano similari (mentre provavo a correggerli ad uso gnu linux).


Per fornire un ulteriore esempio della necessita' di INTERAZIONE tra Ministeri e PA in generale, come il sottosegretario alla giustizia potra' ben constatare, ad oggi, non e' ancora stato deciso come un avvocato possa fornire un documento elettronico che attesti il mandato di un cliente: eppure il "cliente-azienda" ha una smartcard per firmare i bilanci, come il cliente "cittadino-privato" avra' una CIE, CNS e quant'altro verra' (o gia' oggi possiede). Spero che questa non sara' l'occasione per inventarsi un'altra smarcard, nuovi studi e nuovi software proprietari.


Condividere il sorgente con licenze floss aprendo progetti floss ha lo scopo di contenere i COSTI di queste attivita', perche', ad oggi, delle 5 smartcard sopra citate solo 3 sono operative (le altre aspettano "di vedere la luce"): in questo i cittadini non sanno neanche cosa succede!



NB

*Il Ministero della Giustizia a due anni dalla prima richiesta ha pubblicato il sorgente di uno dei suoi applicativi (il Redattore che dal 10 Gennaio 2007 viene sostituito e buttato via). Il sorgente che forniscono (e non pubblicano) e' vecchio come la richiesta mentre il software ufficiale non lo e': questo nonostante stia per essere cestinato.



Gli esempi sono un po' sintentici e per questo lacunosi, come ho gia' detto, ma spero siano abbastanza chiari e forniscano un invito condivisibile da tutti: verra' consegnata il 6-7 luglio all'ufficio di Prato della Senatrice Magnolfi

Diego Zanga - eLawOffice.it

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal
150 / 1000

Latest Signatures

  • 12 December 2015150. Matteo F
    I support this petition
  • 16 November 2015149. Mosetti M
    I support this petition
  • 07 November 2015148. Luca T
    I support this petition
  • 06 November 2015147. Maurizio M
    I support this petition
  • 02 October 2015146. Luca R
    I support this petition
  • 02 September 2015145. Luca T
    I support this petition
  • 02 September 2015144. Marco S
    I support this petition
  • 30 June 2015143. Marco A
    I support this petition
  • 28 June 2015142. Callea Gaetanoa
    I support this petition
  • 10 April 2015141. Luca T
    I support this petition
  • 01 April 2015140. Francesco S
    I support this petition
  • 18 March 2015139. Carla S
    I support this petition
  • 08 March 2015138. Riccardo F
    I support this petition
  • 07 March 2015137. Guido A
    I support this petition
  • 19 February 2015136. Valerio R
    I support this petition
  • 17 January 2015135. Alex Hansen
    I support this petition
  • 02 January 2015134. Michele R
    I support this petition
  • 30 December 2014133. Carlo P
    I support this petition
  • 13 December 2014132. Fabrizio C
    I support this petition
  • 07 December 2014131. Ottavio C
    I support this petition
  • 06 December 2014130. Gaetano C
    I support this petition
  • 16 November 2014129. Krauter R
    I support this petition
  • 05 October 2014128. Nicola A
    I support this petition
  • 30 July 2014127. David D
    I support this petition
  • 22 July 2014126. Filippo Kironez
    I support this petition
  • 03 July 2014125. Federico M
    I support this petition
  • 20 June 2014124. Giuseppe C
    I support this petition

browse all the signatures

Information

Guadalupe GuzmanBy:
SportIn:
Petition target:
Senatrice Magnolfi

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets