Petizione alla Commissione Europea affinchи si pronunci contro la legge Urbani sign now

La discussione sulla legittimitа dello scambio e della condivisione di contenuti digitali attraverso l'intero Globo sta alimentando la contrapposizione tra chi si fa portatore dell'interesse alla libera circolazione delle idee, delle informazioni e della cultura e chi, viceversa, si erge a paladino dei diritti di privativa esistenti su larga parte di questi contenuti.
Entrambe le opposte visioni contengono un nucleo di veritа: un sistema davvero liberale non puт negare i diritti di autori ed inventori sulle proprie creazioni; ma, in nome di tali diritti, non puт neppure impedire alle informazioni di circolare liberamente. Appare necessario, pertanto, trovare un giusto punto di equilibrio, che autorizzi - a certe condizioni ed in certi limiti - la libera condivisione delle informazioni, tutelando nel contempo i legittimi titolari dei diritti su quelle informazioni. E proprio sull'individuazione di questo punto di equilibrio, il recente e vivacissimo dibattito in corso tra gli intellettuali e nelle istituzioni europee ha mostrato una caleidoscopica varietа di accenti ed ha suscitato una vitale ed inaspettata partecipazione da parte della societа civile. In questo quadro, и sconsolante dover osservare che solo il Governo italiano ha scelto di tacitare - facendo uso di un deprecabile "ostruzionismo della maggioranza" - ogni voce dissonante rispetto a quella della lobby dei gruppi industriali, ed in nome della tutela del diritto d'autore e di una malintesa tutela della cultura italiana ha imboccato la strada della repressione criminale della libera condivisione delle informazioni e del controllo censorio della creativitа. Lo ha fatto con l'adozione di due leggi - la n. 106 e la n. 128 del 2004 - che rischiano di contribuire in modo determinante al regresso civile e culturale dell'Italia. Ed in questa miope rincorsa verso un censorio e generalizzato proibizionismo informativo, con la legge n. 128 del 2004, la Repubblica italiana ha dimostrato di non tenere in alcuna considerazione la sua appartenenza all'Unione Europea, violando apertamente alcune direttive comunitarie e trascurando il disposto degli artt. 11 e 17 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea.
Per questa ragione, con la presente petizione, chiediamo pubblicamente: alla Commissione europea, perdurando la vergognosa inerzia delle istituzioni italiane, di procedere contro la Repubblica italiana per la grave inosservanza delle normative europee - in particolare delle direttive 2000/31/CE e 2001/29/CE - in tema di armonizzazione della normativa del mercato comune interno.

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal
1000 / 5000

Latest Signatures

  • 11 February 20161000. Luca Douglas
    I support this petition
  • 11 February 2016999. Eli Reed
    no legge urbani
  • 11 February 2016998. Giuseppe Walsh
    Sono preoccupato.
  • 04 February 2016997. Nico P
    tuteliamoci
  • 30 January 2016996. Adriana Wright
    I support this petition
  • 28 January 2016995. Dario Hawkins
    I support this petition
  • 26 January 2016994. Matteo Griffin
    come al solito si difende solo il diritto delle multinazionali a drenare soldi dalle nostre tasche
  • 25 January 2016993. Davide A
    I support this petition
  • 19 January 2016992. Domenico M
    I support this petition
  • 18 January 2016991. Nicoletti Vincenzoa
    I support this petition
  • 17 January 2016990. Marco G
    vergognoso!!!!! w il free p2p
  • 17 January 2016989. Robyg Rowland
    I support this petition
  • 15 January 2016988. Roberto Griffith
    I support this petition
  • 15 January 2016987. Mark Haley
    urbani.....you're a lier..
  • 14 January 2016986. Davide Nielsen
    Sono senza parole .....dubito che si possa scendere piщ in basso di cosм
  • 12 January 2016985. Alessandro Escobar
    I support this petition
  • 10 January 2016984. Mario R
    I support this petition
  • 23 December 2015983. Francesco M
    I support this petition
  • 20 December 2015982. Stefano C
    I support this petition
  • 13 December 2015981. Umberto Harrington
    I support this petition
  • 07 December 2015980. Giovanni N
    I support this petition
  • 19 November 2015979. Leonardo Nicholson
    Mi vergogno di aver votato questo governo, credevo che Urbani fosse una persona intelligente non un burocrate di stampo borbonico
  • 18 November 2015978. Cosimo G
    I support this petition
  • 17 November 2015977. Francesco M
    I support this petition
  • 09 November 2015976. Tomas L
    vergogna!
  • 08 November 2015975. Goldoni Gianl
    auspico un peso e una misura per tutto e tutti.
  • 28 October 2015974. Mastrangelo F
    La libertа in Democrazia и inalienabile!

browse all the signatures

Information

Max RichmondBy:
Culture and SocietyIn:
Petition target:
Commissione europea

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets