Per una valutazione seria di università e ricerca, contro i tagli indiscriminati del D.L.112/08 sign now

Lalta formazione, la ricerca e linnovazione sono gli elementi-cardine della crescita e dello sviluppo di un paese nella società globale della conoscenza. Mentre i nostri competitors europei e mondiali investono in questi settori ingenti risorse e significative percentuali del PIL, in Italia, i finanziamenti, già scarsi, si sono via via ridotti ed il D. L. 112/08 del Ministro Tremonti peggiora la situazione. Il D. L. contiene articoli che impongono tagli pesanti e indiscriminati, che avranno effetti devastanti su università e ricerca pubbliche, e per conseguenza sullo sviluppo culturale e tecnologico del paese.

Nelle università e negli enti di ricerca siamo costretti da anni a lavorare in cronica carenza di fondi. Con il D. L 112/08 si è superato ogni limite. Vengono infatti introdotte misure, come il taglio dei fondi di finanziamento ordinario e il sostanziale blocco del turnover, che causeranno rapidamente la paralisi, azzerando le possibilità di crescita e rinnovamento degli atenei e le speranze di carriera di giovani migliori, che saranno costretti come già avviene ad andare a lavorare per i nostri competitori. Inoltre, lart. 16 del D.L, che offre la libertà alle Università di trasformarsi in fondazioni, appare un rimedio tecnicamente ben poco efficace e segnala un forte regresso culturale del Paese nel dichiarare la propria indisponibilità a investire nel sistema pubblico. Luniversità italiana rischierà così di trasformarsi in uno pseudo-liceo, contenitore di una didattica povera e minimale, esamificio da cui la ricerca scientifica sarà espulsa, come un corpo estraneo.

Un primo passo verso il risanamento avrebbe dovuto prevedere lattuazione di un sistema serio, severo e trasparente di valutazione per tagliare le sacche dimproduttività, colpendo senza esitazione fannulloni e nepotisti. Con il D. L. 112/08 ed i suoi tagli lineari (ovvero uguali per tutti), invece, si penalizza la parte migliore degli Atenei e dei centri di ricerca, quella che lavora, produce e studia, pur tra mille difficoltà. Si tratta di una reale emergenza, un colpo mortale per la cultura, listruzione e la ricerca pubblica nel nostro paese.

Per evitare che lItalia scivoli irrimediabilmente verso un inarrestabile declino culturale, sociale ed economico, invitiamo il Ministro Tremonti ed il Governo a rivedere drasticamente gli articoli del D. L. 112/08 che riguardano luniversità, introducendo allo stesso tempo strumenti di valutazione affidabili e internazionalmente riconosciuti per intraprendere un vero risanamento del sistema italiano delluniversità e della ricerca.

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal
1000 / 10000

Latest Signatures

  • 19 February 20161000. Elettra P
    I support this petition
  • 18 February 2016999. Ascanio S
    I support this petition
  • 18 February 2016998. Vittorio G
    I support this petition
  • 15 February 2016997. Giacomo B
    I support this petition
  • 14 February 2016996. Alessandro S
    I support this petition
  • 11 February 2016995. Gerardo Tucker
    Vergogna!!
  • 11 February 2016994. Monica Hull
    ASCOLTATECI perchè la vostra è una pugnalata alla civiltà e alla libertà di pensiero!
  • 09 February 2016993. Lara S
    I support this petition
  • 09 February 2016992. Serena F
    I support this petition
  • 06 February 2016991. Elisa B
    I support this petition
  • 03 February 2016990. Katia T
    Non tagliamo più i fondi all'Università e alla ricerca
  • 01 February 2016989. Maria Novellas
    I support this petition
  • 31 January 2016988. Paola David
    I support this petition
  • 28 January 2016987. Filippo M
    I support this petition
  • 27 January 2016986. Carolina Ballard
    I support this petition
  • 27 January 2016985. Sara S
    I support this petition
  • 26 January 2016984. Marco G
    I support this petition
  • 25 January 2016983. Alberto Benson
    I support this petition
  • 25 January 2016982. Tiziano Cole
    I support this petition
  • 25 January 2016981. Luca A
    I support this petition
  • 24 January 2016980. Giuliano Craig
    I support this petition
  • 24 January 2016979. Zorro
    I support this petition
  • 21 January 2016978. Fabio Arnold
    I support this petition
  • 19 January 2016977. Elena Good
    VERGOGNA...STATE ROVINANDO IL FUTURO DELL'ITALIA!!
  • 17 January 2016976. Luigi T
    I support this petition
  • 16 January 2016975. Anna B
    Così si torna indietro e non mi sembrano i tempi adatti...
  • 15 January 2016974. Emanuele Sullivan
    università contro la privitazzione

browse all the signatures

Information

Jeannine FryBy:
LGTBIn:
Petition target:
Presidente del Consiglio Sivio Berlusconi, Ministro Giulio Tremonti e Ministro Mariastella Gelmini

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets