Documento Ricercatori Modena e Reggio sign now

Documento dell'Assemblea dei Ricercatori di Modena e Reggio Emilia
1 luglio 2010

I ricercatori dell'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, riuniti in assemblea presso i locali della Facoltà di Lettere e Filosofia, ritengono che l'università italiana abbia bisogno di un'ampia e incisiva riforma, che ne rafforzi il ruolo quale sede principale della ricerca, dello sviluppo e della diffusione della conoscenza.
Nei fatti, il DDL 1905, pur prospettando unampia riforma del sistema universitario nazionale, rischia di rappresentare un'occasione mancata: da un lato, non prevede i finanziamenti necessari per attuarla (DDL 1905, art. 5, comma 4, lettere d ed f; DDL art. 22, comma 9; DDL 1905, art. 5, comma 5, lettera a); dall'altro, contiene una serie di norme profondamente inadeguate rispetto agli intenti riformatori asseriti.

Gli emendamenti della Commissione VII del Senato della Repubblica apportano al DDL solo modifiche marginali, che non affrontano aspetti quali lo stato giuridico dei ricercatori, la questione della rappresentanza negli organi accademici, il trattamento economico dei docenti (DDL 1905, art. 8, comma 1, lettere a, b, c). In particolare, per quanto riguarda lo stato giuridico dei ricercatori, il DDL conferma l'esaurimento del loro ruolo e ne ignora l'apporto imprescindibile alla vita degli atenei.

A tutto questo si aggiungono il forte impatto sull'Università della manovra finanziaria e le sperequazioni nei tagli retributivi da essa preventivati (DL 31/5/2010 n. 78). Oltre all'estensione del blocco del turnover nelle assunzioni della pubblica amministrazione fino a tutto il 2014 e alla conferma dei tagli al FFO delle Università (entrambi già disposti dalla legge 133/2008), è introdotta la misura punitiva del blocco senza possibilità di recupero dell'adeguamento retributivo 2011/2013 e del conguaglio 2010/2012, che comporterà una decurtazione permanente e irreversibile del reddito per i ricercatori e i docenti universitari. Tale decurtazione sarà particolarmente gravosa per i più giovani, poiché si ripercuoterà sulla liquidazione e sui contributi pensionistici, oltre la stessa vita lavorativa (art. 9).

Per queste ragioni i firmatari, in accordo con le decisioni assunte da altre sedi universitarie e dalle Facoltà di Ingegneria (24 giugno), Economia (30 giugno), Lettere e Filosofia (2 luglio) del nostro ateneo, chiedono:

- che il Senato Accademico deliberi la sospensione della programmazione didattica relativa all'a.a. 2010/2011;

- che il Rettore si faccia parte attiva nell'esprimere in tutte le sedi istituzionali i contenuti del presente documento.


Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal
0 / 50

Latest Signatures

No one has signed this petition yet

Information

Nora BoltonBy:
Justice, rights and public orderIn:
Petition target:
Rettore dell'Università di Modena e Reggio Emilia

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets