DDL Gelmini: quale futuro per i ricercatori? sign now

IL DDL GELMINI E LA QUESTIONE DEI RICERCATORI A TEMPO INDETERMINATO

I ricercatori delle università italiane hanno recentemente manifestato preoccupazione per il futuro della propria categoria professionale, per come esso si va profilando a seguito delleventuale entrata in vigore del DDL Gelmini sulla riforma dell'Università.. Il DDL sembra infatti dimenticarsi dei ricercatori di ruolo a tempo indeterminato attualmente in forza agli atenei del nostro Paese. La sensazione è che essi siano avviati lungo un binario morto, alla stregua di quanto accadde a suo tempo nel caso della figura dellAssistente, in favore di un modello di strutturazione della docenza organizzato su due fasce (gli attuali ordinari e gli associati), con conseguente collocamento in esaurimento del ruolo del ricercatore. Il DDL non prevede meccanismi espliciti di sorta a tutela degli attuali ricercatori: in particolare, è evidente che le nuove procedure di reclutamento dei docenti di II fascia saranno polarizzate sulle nuove figure dei ricercatori a tempo determinato, prevedendo per questi ultimi delle vere e proprie corsie preferenziali, tanto esplicite (quali la possibilità di chiamata diretta), tanto implicite (lesigenza di fatto di inquadrare come professori di II fascia i ricercatori a tempo determinato onde evitare la fine della loro carriera accademica e la perdita, da parte dellateneo, delle loro professionalità).
Riteniamo dunque necessario elaborare una proposta concreta e realistica da avanzare al Ministero perché esso predisponga, in via transitoria ed eccezionale, degli strumenti legislativi atti a dare una risposta alle preoccupazioni dei ricercatori a tempo indeterminato; strumenti da esprimersi in veste di apposito comma da inserire nellattuale testo del DDL, ovvero nella forma di decreto legge.



PERCHE NON RITENIAMO ADEGUATA LA PROPOSTA DEL CNRU

Il Coordinamento Nazionale dei Ricercatori Universitari (CNRU), condividendo le preoccupazioni sopra esposte, ha elaborato una sua proposta (http://w3.uniroma1.it/cnru/), in fase di vaglio telematico da parte della Comunità. Riteniamo per`o che essa non sia adeguata, per i seguenti motivi:

(a) essa è centrata sulla figura del ricercatore di lunga carriera (elevato livello salariale), lunico che accetterebbe di buon grado di vedersi conferito il titolo di Associato (e i rispettivi oneri) senza beneficiare del corrispondente trattamento salariale;

(b) essa è scarsamente meritocratica, in violazione dello spirito del DDL (quindi, difficilmente recepibile da parte del Governo) e degli auspici di quanti vogliono ununiversità più sana;

(c) essa è difficilmente praticabile (essa, infatti, prospetta poco più di un automatismo e promuove di fatto sulla base dellanzianità di servizio).



ECCO LE NOSTRE MOTIVAZIONI

Riteniamo che si debba piuttosto cercare di individuare, anche attraverso un dialogo ampio tra gli interessati, una soluzione da proporre al Ministro Gelmini che sia:

(a) realistica e recepibile;

(b) meritocratica;

(c) garante di pari opportunità per tutti i ricercatori, non solo per una - pur molto nutrita - fascia.

Il momento storico appare essere particolarmente critico e, dovesse passare il DDL, non possiamo permetterci di compromettere la nostra (pur marginale) occasione di dare un contributo con lavanzare proposte inadeguate.



LA NOSTRA PROPOSTA

Le linee guida da cui far partire la nostra proposta sono attualmente le seguenti:
(1) impegno da parte del Ministero di istruire, entro 12 mesi dallentrata in vigore del DDL convertito in Legge e per almeno altre due tornate nei 5 anni successivi, una procedura nazionale per il conseguimento dellidoneità scientifica nazionale secondo il meccanismo previsto dallattuale DDL;
(2) le procedure di cui al punto (1) saranno riservate ai ricercatori confermati di ruolo a tempo indeterminato;
(3) obbligo, in forma di Decreto, di chiamata diretta degli idonei, in qualità di professori di II fascia, da parte delle strutture cui essi attualmente afferiscono in qualità di ricercatori;
(4) impegno, da parte del Ministero, alla copertura dell80\% delleventuale differenza di budget derivante dal passaggio di ruolo, laddove il quadro finanziario dellAteneo cui afferisce il docente interessato non ne consenta limmissione nel nuovo ruolo.

ALCUNE FONDAMENTALI PRECISAZIONI (CHE PREGHIAMO DI LEGGERE)

E quantomai opportuno fare le seguenti precisazioni:
I punti (1) e (2), assolutamente praticabili, costituiscono lessenza della presente proposta. Essi fanno fronte al rischio che, dopo lunghi anni di assenza di riforma della figura giuridica del ricercatore e di congelamento di fatto delle procedure di reclutamento di professori di II fascia, si debbano aspettare i 6 anni (3+3) previsti per i nuovi ricercatori a tempo determinato prima di assistere alla costituzione delle prime commissioni nazionali per il conferimento dellidoneità, e che a quel punto gli atenei si trovino indotti a preferire i ricercatori a tempo determinato per non perderli. Va sottolineato che il meccanismo qui proposto è meritocratico e segue lo spirito e le linee guida dellattuale DDL.
Il punto (3), più forte, realizza lassunzione di responsabilità da parte degli atenei nei confronti degli attuali ricercatori: chi risulta idoneo alla docenza nella selezione nazionale deve essere inquadrato come professore nellorganico. Va ribadito che (i) il meccanismo di chiamata diretta dei titolari di idoneità scientifica nazionale è perfettamente in linea con il DDL, che lo prevede al Titolo III Art. 12 comma 6, e che (ii) gli attuali ricercatori a tempo indeterminato hanno già superato due selezioni, una locale (il vecchio concorso) ed una con commissione nazionale (la conferma dopo il primo triennio di servizio).
Il punto (4) realizza lassunzione di responsabilità nei confronti degli attuali ricercatori da parte del Ministero. Il tipo di intervento richiesto è in linea con quanto già attuato nel significativo precedente del Progetto Cervelli, laddove i cervelli rientrati in Italia e positivamente valutati erano stati tendenzialmente inquadrati su risorse straordinarie stanziate dal Ministero stesso (senza, peraltro, avere vinto alcun concorso o ricevuto alcuna idoneità, locale o nazionale che fosse). Inoltre, va rimarcato che le risorse finanziarie straordinarie qui richieste sono da ritenersi invero modeste, tanto alla luce dei molti casi in cui il trattamento salariale attuale dei ricercatori di livello superiore al V è in realtà già più alto di quello dei professori di II fascia di livello 0, quanto perché diversi atenei italiani sono comunque nelle condizioni finanziarie di immettere in ruolo i nuovi associati.

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal
0 / 50

Latest Signatures

No one has signed this petition yet

Information

Leslie AllenBy:
Transport and infrastructureIn:
Petition target:
Senato della Repubblica - MIUR: Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets