Contro il racket dei posteggiatori abusivi sign now

Al Ministro degli Interni, Giuliano Amato, ed al Ministro della Giustizia, Clemente Mastella,
con la presente petizione si sollecita un intervento attivo da parte delle autorità al fine di sopprimere l'attività dei posteggiatori abusivi, di cui ormai le città italiane, specialmente del Sud, sono piene.
La loro attività infatti non costituisce un servizio, bensì un disagio per ogni cittadino che all'atto del posteggio viene sottoposto ad un'estorsione in perfetto stile mafioso. Se queste persone fossero davvero dei poveracci disperati che tentano di tirare avanti, non assisteremmo con sempre più frequenza ad episodi di minacce e violenze nei confronti degli automobilisti che decidono di non pagare questo pizzo, segno che quando qualcuno non paga si scardina un sistema mafioso basato su piccole estorsioni ad una miriade di persone, su cui vivono migliaia di delinquenti che non hanno rispetto per l'anziano che parcheggia perchè deve andare all'ospedale, lo studente che deve andare all'università, il lavoratore che deve andare nel proprio luogo di lavoro. Se si vuole combattere la mafia in questo paese, bisogna cominciare anche da queste forme di mafiosità diffusa, da cui nascono poi forme ben più vistose di estorsione, prevaricazione ed intimidazione.
Le pene attualmente previste contro chi esercita questo tipo di attività sono troppo lievi, considerando che il comma 15 bis dell'articolo 7 del Codice della strada prevede solo il pagamento di una somma che varia da 652 a 2620 euro, che raddoppia in caso di impiego di minore, in aggiunta alla confisca delle somme percepite. Una tale sanzione è irrisoria, per chi come un posteggiatore abusivo riesce a estorcere centinaia di euro al giorno, ed in molti casi, dichiarandosi nullatenente al fisco, riesce a non pagarla nemmeno. Ecco perchè la mafia ha messo gli occhi su questo tipo di attività, meno remunerativa del tradizionale pizzo, ma anche molto più sicura.
Si chiede quindi di inasprire le pene previste per questo tipo di reato, riconducendole al codice penale, e di sensibilizzare le forze dell'ordine, che tendono a minimizzare, alla risoluzione del problema ormai insostenibile e ad intervenire prontamente in seguito alle richieste dei cittadini.
Grazie per l'attenzione

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

Sign with Facebook
OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal
200 / 1000

Latest Signatures

browse all the signatures

Information

Jennifer MedinaBy:
Entertainment and MediaIn:
Petition target:
Ministro dell'Interno e Ministro della Giustizia della Repubblica Italiana

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets