Barriere architettoniche: la storia infinita e il sistematico menefreghismo delle amministrazioni sign now

Nella primavera del 2009 i ragazzi di Trento Attiva sensibilizzarono la cittadinanza trentina in merito al problema delle barriere architettoniche. Furono invitati i rappresentanti dei partiti sia a livello comunale che a livello provinciale. Il consigliere provinciale IDV Bruno Firmani aderì alliniziativa, insieme ad un consigliere del PD eletto nel Comune di Trento. Vennero distribuite un paio di carrozzine utilizzate dai portatori di handicap e i ragazzi fecero una dimostrazione pratica, per far comprendere a quali e quante difficoltà e mortificazioni morali vanno incontro coloro che sono costretti a muoversi in carrozzina.
Furono circa cinquanta gli esercizi segnali con accesso disagevole, o addirittura precluso, di questi una decina erano stati ristrutturati di recente. I giornali ne riferirono, tutti quanti presero nota, esiste anche una mozione del Consigliere Comunale del PD di Trento, che dovrebbe essere discussa a breve, ma che fino ad ora non ha ancora visto la luce.
Di fatto però il problema persiste su tutto il territorio provinciale, infatti andando a verificare il dispositivo della legge n.° 1 del 7 gennaio 1991 sulle barriere architettoniche, si scopre che lo stesso demanda ad un apposito Ufficio Provinciale la formazione del personale comunale sugli adempimenti necessari per la rimozione delle barriere architettoniche, sia dagli edifici pubblici che dagli edifici e spazi privati aperti al pubblico. Sulla base della prescrizione di questi uffici il Sindaco procede poi al rilascio della licenza edilizia. Come ha evidenziato la passeggiate in centro storico a Trento la scorsa primavera, però queste prescrizioni cadono tutte quante sotto la mannaia di un articolo della legge del 1991 che consente di andare in deroga in presenza di lavori strutturali di grande rilevanza per gli adeguamenti di legge.
Morale della favola alladeguamento degli esercizi pubblici non si provvede mai, per questo il Consigliere Firmani, ha chiesto lumi durante la seduta del Consiglio Provinciale del 17 gennaio, allAssessore competente, con uninterrogazione a risposta immediata, dove si chiede di conoscere quali siano le ragioni ostative alla piena applicazione della L.P. n° 1 del 1991 e come intende ovviare a tale grave situazione.
La risposta dellAssessore Alberto Pacher ha evidenziato come lufficio provinciale abbia solo potere di indirizzo e di supporto informativo sulla normativa, ma nessun potere di interferire sullatto finale, il rilascio della licenza. La sensazione è che nessuno voglia farsi carico del problema, esiste una legge, esistono i contributi di legge per adeguarsi, ma il problema viene sistematicamente ignorato da funzionari compiacenti e promesse di adeguamenti futuri, o futuribili. Qualche volta si tratta perfino di piccole cose per garantire almeno laccesso a negozi e attività commerciali : uno scivolo al posto di un gradino, una porta leggermente più larga per permettere laccesso di una carrozzina, ma anche nelle ultime e ultimissime ristrutturazioni degli esercizi commerciali, la necessità di abbattere le barriere architettoniche viene totalmente ignorata. Per questo motivo il gruppo di lavoro che aveva dato vita alla passeggiata informativa sulle barriere riproporrà liniziativa nella prossima primavera, con anche maggiore incisività e decisione.

Elena Baiguera Beltrami
Bruno Firmani
Dario Romeo

Sign The Petition

Sign with Facebook sign_with_twitter
OR

If you already have an account please sign in, otherwise register an account for free then sign the petition filling the fields below.
Email and the password will be your account data, you will be able to sign other petitions after logging in.

Privacy in the search engines? You can use a nickname:

Attention, the email address you supply must be valid in order to validate the signature, otherwise it will be deleted.

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Shoutbox

Who signed this petition saw these petitions too:

Sign The Petition

Sign with Facebook sign_with_twitter
OR

If you already have an account please sign in

Comment

I confirm registration and I agree to Usage and Limitations of Services

I confirm that I have read the Privacy Policy

I agree to the Personal Data Processing

Goal
0 / 50

Latest Signatures

No one has signed this petition yet

Information

Sylvia ChoiBy:
Technology and the InternetIn:
Petition target:
Consiglio Comunale di Trento

Tags

No tags

Share

Invite friends from your address book

Embed Codes

direct link

link for html

link for forum without title

link for forum with title

Widgets