Rinnovo ccnl non in mio nome: respingiamo l'accordo del 30 novembre 2016 firma ora

I/le sottoscritti/e lavoratori/trici del Pubblico Impiego, respingono l’accordo siglato lo scorso 30 novembre da Cgil, Cisl e Uil a cui si è accodato il Confsal:

•     L’aumento di 85 euro lordi a regime (ossia nel 2018, dopo 10 anni dall’ultimo contratto) è assolutamente insufficiente a recuperare il potere d’acquisto perso;

•      Il bonus fiscale di 80 euro può essere a rischio per circa 200 mila lavoratori, quelli con le fasce di reddito più deboli, le vaghe promesse presenti nell’accordo non sono sufficienti;

•      Dicono di voler superare la Brunetta, ma accettare di voler contrattare penalizzazioni sulla malattia e sulle assenze di varia natura e su come legare il salario alla produttività significa ispirarsi agli stessi principi;

•      Legare parte di salario alla produttività significa spostare sulla contrattazione decentrata la battaglia per una parte degli aumenti, così si dividono i lavoratori e li si rende più deboli;

•      Chiedere di inserire misure di previdenza pensionistica e sanitaria integrativa significa accettare e contribuire allo smantellamento dei servizi pubblici;

•      L’accordo siglato solo dai confederali a cui si è accodato il Confsal dimostra chiaramente che c’è un serio problema di democrazia sindacale a cui non si può dar risposta con accordi o leggi che inseguono una effimera rappresentatività;

Respingono qualunque accordo sul CCNL Pubblico Impiego siglato senza mandato vincolante dei lavoratori.

Ritengono indispensabile conquistare un contratto giusto e dignitoso che contenga i suddetti punti:

•      Contratto dignitoso con recupero della perdita del potere di acquisto;

•      Aumento in paga base per tutti e finanziamento del salario accessorio;

•      Sblocco delle assunzioni ed eliminazione del lavoro precario tramite assunzione dei lavoratori in graduatoria;

•      Reinternalizzazione dei servizi e nel frattempo inserimento di clausole di salvaguardia ben precise per i lavoratori esterni alla pubblica amministrazione che svolgono lavoro per essa;

•      No all'estensione al pubblico impiego dell'accordo del 10 gennaio 2014, ed estensione dei diritti sindacali;

•      No ai peggioramenti normativi nel contratto del pubblico impiego.

Firma La Petizione

Firma con Facebook Firma con Twitter
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook Firma con Twitter
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
7 / 50000

Firme Recenti

Informazioni

PubblicoImpiegoinMovimentoDa:
LavoroIn:
Destinatario petizione:
Ministero Funzione Pubblica, Aran

Sostenitori ufficiali della petizione:
Pubblico Impiego in Movimento

Tags

contratto nazionale, dipendenti pubblici, pubblico impiego, statali

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets