MANIFESTO DELLE DOCENTI E DEI DOCENTI ITALIANI firma ora

ALLA CITTADINANZA

Con preoccupazione ed allarme noi docenti intendiamo denunciare il pesante attacco in corso contro l’ istruzione pubblica che avrà come inevitabile risultato quello di compromettere ancor di più il futuro delle nuove generazioni e dell’intera società italiana.

Preoccupazione ed allarme perché la Scuola Pubblica viene soffocata economicamente da anni di tagli ai finanziamenti, da parte di uno Stato che riduce le risorse alle scuole per il normale funzionamento e rifiuta di rimborsare i miliardi di euro di crediti maturati dalle scuole italiane negli anni scorsi.

Preoccupazione ed allarme perché la Scuola Pubblica viene smantellata con i tagli all’organico. Ridurre il numero dei docenti e delle docenti vuol dire produrre il sovraffollamento nelle classi, dequalificare la didattica, aumentando invece la condizione di precarietà lavorativa che incide negativamente sulla continuità e progettualità didattica.

Preoccupazione ed allarme, perché si fa sempre più concreto un progetto di incentivi e finanziamenti alla scuola privata, sottratti ad una scuola pubblica sempre più abbandonata a se stessa.

Respingiamo la persistente campagna denigratoria contro il corpo docente e contro la scuola pubblica.

Al contrario è evidente che essa, ormai da anni, resta ancora in piedi solo grazie all’impegno volontario di molti/e insegnanti e famiglie.

Accusiamo questa classe dirigente di scaricare sulla scuola pubblica la situazione di declino economico, sociale e culturale della società nella quale loro per primi ci hanno condotto; non è certo colpa delle/dei docenti e se questa società non riesce a garantire lavoro, mobilità sociale, utilizzo adeguato delle forze produttive, e se i lavori intellettualmente più qualificati sono resi precari o sottopagati obbligando migliaia di eccellenze ogni anno ad emigrare all’estero.

Accusiamo questa classe dirigente della responsabilità e degli effetti di trent’anni di videocrazia e di sospetta strategia di distrazione di massa, che si è tradotta per la cittadinanza in un allontanamento crescente dalle tematiche sociali, in disinformazione diffusa, in cancellazione della memoria recente, in superficialità delle conoscenze, in proposizione di modelli privi di qualsiasi spessore culturale. È chi lavora nella scuola che ha subito e subisce gli effetti di questo degrado e che continua ad essere lasciato sola/o nella difesa di una dimensione culturale della persona e della vita.
Ci accusano di non insegnare ai/alle giovani la Storia moderna, ma chi l’ha pervicacemente ridimensionata o addirittura eliminata dai curricoli? Chi l’ha eliminata dai programmi della Scuola Primaria insieme alla Geografia europea e mondiale, e allo studio di Darwin in Scienze? Chi vuole introdurre il dialetto a scuola mentre toglie le/i docenti specialisti di inglese nella primaria e taglia i fondi per l’insegnamento di altre lingue straniere?

Accusiamo questa classe dirigente di disinformare la popolazione riguardo la scuola pubblica con continue bugie che vengono insistentemente sostenute dai Ministri: in particolare ricordiamo che la spesa statale per l’istruzione pubblica in Italia è tra le più basse dell’OCSE, che la scuola pubblica italiana gode del maggior consenso delle famiglie in Europa, che a fronte della scuola privata italiana, classificata tra le peggiori al mondo, i risultati in diversi ordini della Scuola Pubblica sono stati tra i migliori al mondo, nonostante questa classe dirigente abbia fatto del suo peggio per indebolirla. Non è vero nemmeno che le bocciature sono aumentate, anzi sono invece diminuite: i docenti si sono rifiutati di essere esecutori acritici degli orientamenti ministeriali.

Noi docenti da parte nostra:

Ribadiamo con ancora più forza il nostro impegno a sviluppare nei/nelle giovani le capacità logiche, di ragionamento e approfondimento e a favorire un pensiero critico e scientifico, la creatività e l’immaginazione contro ogni omologazione, conformismo, pregiudizio, luogo comune, rifiutando di ridurre l’intelligenza ad un dato banale misurabile con test o quiz.

Ribadiamo la volontà di continuare la tradizione egualitaria della scuola pubblica italiana, favorendo lo spirito di cooperazione e di solidarietà e, come prescritto nella Costituzione, prestando particolare attenzione verso chi incontra più difficoltà, contro ogni apparente meritocrazia basata in realtà sulle crescenti disuguaglianze sociali.

Ribadiamo l’importanza della relazione professionale ed umana tra docenti e studenti, l’importanza di rafforzare le motivazioni allo studio ed alle conoscenze e di stimolare la curiosità culturale.

Ribadiamo l’importanza di contrastare la grave dispersione scolastica italiana e di dare a ciascun allievo/a la possibilità di sviluppare le proprie capacità, valutandone i progressi rispetto le condizioni di partenza.

Ci rifiutiamo infine di ridurre il ruolo docente a quello di semplice funzionario-controllore dei comportamenti giovanili e del consenso sociale, in un contesto che genera sempre più emarginazione e che non è più in grado di garantire un futuro professionale nemmeno ai/alle più meritevoli.
Meglio invece sarebbe se cominciassero a pagare gli ingenti debiti contratti con le scuole, stabilizzassero gli organici, destinassero più fondi alla Scuola Pubblica e più risorse per eliminare la dispersione scolastica, invece che dirottarli a Banchieri ed Industriali, a guerre ed armamenti.


info: manifestodocentitaliani@gmail.com

Firma La Petizione

Firma con Facebook Firma con Twitter
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook Firma con Twitter
O

Se disponi già di un account esegui il login

Obiettivo firme
1713 / 100000

Firme Recenti

  • 13 dicembre 20131713. Angela Dama
    Corrozza per tagliare vuole accorciare il liceo di un anno
  • 05 febbraio 20131712. ernesto mostardi
    Crisi università,cinquantamila meno iscritti,effetto Gelmini
  • 03 febbraio 20131711. marisa esposito
    Università, denuncia studenti"Altri tagli a borse di studio"
  • 01 febbraio 20131710. Antonella Faiella
    Ue: Gelmini soffocò la scuola pubblica Italiana con i tagli
  • 28 gennaio 20131709. Bernardo Causio
    Fondi alla scuola il vento girerà positivamente con Vendola
  • 26 gennaio 20131708. enrico gotti (non verificato)
    Iscrizione online,Cgil avverte a rischio diritto allo studio
  • 25 gennaio 20131707. salvatore pagliari
    Scontri in piazza, arrestati studenti violenti pro Gelmini
  • 22 gennaio 20131706. Carolina Milla
    Sottoscrivo la petizione, Gli studenti Erasmus devono votare
  • 17 gennaio 20131705. Franco Ambrosio
    riesumata la Gelmini ad omnibus,mi rammenta il vuoto cosmico
  • 17 gennaio 20131704. walter rodi
    X chi vota Berlu serve uno psicoanalista tra Spinoza e Lacan
  • 13 gennaio 20131703. fausto larissa
    Cosentino,Cesaro,Milanese Pdl candida gli inquisiti, mafiosi
  • 11 gennaio 20131702. carlo sericoltrice
    Tagli alla scuola della Gelmini la sintesi del berlusconismo
  • 03 gennaio 20131701. carmela orefice
    Discorso fine anno Napolitano, voto 6, La scuola dimenticata
  • 01 gennaio 20131700. riccardo lauria
    PDL, invettive contro Montalcini al Senato adesso elogiano
  • 30 dicembre 20121699. Belinda Berni
    Monti da prof della Bocconi a Scuola d Taglio (alla Cultura)
  • 29 dicembre 20121698. Arianna Mali
    Monti:"Pronto a guidare coalizione"Pronti nuovi tagli scuola
  • 27 dicembre 20121697. francesco caldarelli
    "DISTANTI DA PROFUMO, TOTALMENTE INCOMPATIBILI CON GELMINI"
  • 27 dicembre 20121696. Fabrizia Zuni
    Almeno 7 motivi per non sostenere Gelmini e neanche Profumo
  • 24 dicembre 20121695. Andreina Marsi
    B"incubo DiPietro alla cultura"Nominò Gelmini,non può parlar
  • 15 dicembre 20121694. jose lozaz
    Diritto allo studio calpestato dai tagli d Gelmini e Profumo
  • 13 dicembre 20121693. franco Cozzolino
    B"Monti?Continuato il mio lavoro"Allora voleva lui le 24ore?
  • 06 dicembre 20121692. carlo sabatino
    Tagli alla scuola pubblica,esenzioni alle cattoliche.Perchè?
  • 18 ottobre 20121691. Angela Rocco
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 ottobre 20121690. Lisa Minato
    Sottoscrivo questa petizione
  • 01 ottobre 20121689. Giovanna Preside
    La legge anticorruzione in mano a 100 condannati e indagati
  • 16 settembre 20121688. Felicia Para
    Con Profumino l’istruzione italiana è destinata al declino
  • 14 settembre 20121687. Cristofer Farina
    Sulle macerie della scuola pubblica- concorso truffa Profumo

vedi tutte le firme

Informazioni

Tags

scuola pubblica

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets

Fatti a mano con amore da Nextone Media

Smooto - Activism - When and How

Notizie.it - Mamme Magazine - Come Quando - Viaggiamo

Driven by Nextone Media