FERMIAMO IL SISTRI firma ora

Il 15 marzo di quest’anno, la Camera dei Deputati ha approvato in aula il testo di legge dal titolo:
“ Norme per la tutela della libertà d'impresa” , più conosciuto come “Statuto delle imprese”.
L’articolo 5, al capo II, dello Statuto delle Imprese, stabilisce il principio secondo il quale:
“lo Stato, le regioni, gli enti locali e gli enti pubblici sono tenuti a valutare l'impatto delle iniziative legislative e regolamentari, anche di natura fiscale, sulle imprese, prima della loro adozione” e l’articolo 6, stabilisce i principi di:
“riduzione e trasparenza degli adempimenti amministrativi a carico di cittadini e imprese”.
Disattendendo completamente i sopracitati principi generali stabiliti dallo statuto stesso, dal primo di settembre di quest’anno, entrerà in vigore il sistema “SISTRI” per la tracciabilità dei rifiuti.
Nello specifico, le procedure che costituiscono il “SISTRI”, per come sono state istruite, generano grande incertezza negli utenti, aggravata dagli innumerevoli problemi tecnici e malfunzionamenti riscontrati nel periodo di prova, oltre a causare un considerevole aumento delle pratiche burocratiche relative allo smaltimento dei rifiuti come:
· ogni singola registrazione sul “SISTRI” richiede numerose operazioni a carico degli operatori.
· ogni passaggio necessita del perfetto funzionamento dei supporti e dei collegamenti informatici che tutt'oggi risultano totalmente inaffidabili.
· il sistema inoltre, non verificando la correttezza delle registrazioni, e segnalando eventuali incongruenze alle autorità preposte all'applicazione delle sanzioni, rischia di divenire fonte di numerose contravvenzioni a carico delle imprese.
Riteniamo quindi, che la normativa “SISTRI” non funga da deterrente per chi, fino ad oggi, ha smaltito i rifiuti pericolosi in modo illegale, ma che, al contrario, incentivi il proliferare di illeciti comportamenti, che per quanto rischiosi risultano meno onerosi, favorendo di fatto l'aumento degli introiti delle ecomafie.
Ci appelliamo pertanto alle nostre Associazioni di Categoria, alle Camere di Commercio, e al Ministero dell’ Ambiente AFFINCHE’ VENGA SOSPESA IMMEDIATAMENTE L’ENTRATA IN VIGORE DEL SISTEMA “SISTRI” e affinché venga urgentemente istituito un gruppo di lavoro finalizzato allo studio di un sistema di tracciabilità dei rifiuti meno oneroso per le imprese e maggiormente efficace nei confronti dello smaltimento illegale dei rifiuti pericolosi.

Firma La Petizione

Firma con Facebook Firma con Twitter
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook Firma con Twitter
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
213 / 50000

Firme Recenti

  • 07 settembre 2016213. augusto brignoli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 07 settembre 2016212. Fabrizio Mor
    Sottoscrivo questa petizione
  • 30 luglio 2014211. FABIANA ROBERTI (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 04 settembre 2013210. Marco Paternoster
    Sottoscrivo questa petizione
  • 10 giugno 2012209. CHRISTIAN BRUNEL
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 2012208. Leonzio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012207. Nino Migliorini
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012206. Bibiana
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012205. Arabella
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012204. Griselda Zmalaj
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 2012203. Servidio Tebani
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012202. Dina
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012201. Lauriano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012200. Vilma
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012199. Spartaco Filippi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 2012198. Amintore Ghignone
    Sottoscrivo questa petizione
  • 28 aprile 2012197. doccia64
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 aprile 2012196. Maurizio Pini
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 aprile 2012195. Alberto Di Nardi (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 28 febbraio 2012194. mirco marini
    Sottoscrivo questa petizione
  • 21 febbraio 2012193. Ifodeus
    Sottoscrivo questa petizione
  • 21 febbraio 2012192. OfficinaBrigoni
    Sottoscrivo questa petizione
  • 09 febbraio 2012191. paolo rovere
    Sottoscrivo questa petizione
  • 08 febbraio 2012190. danmax
    Sottoscrivo questa petizione
  • 08 febbraio 2012189. Pasquale Boccardi (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 04 febbraio 2012188. mauro pagliarin (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 febbraio 2012187. Piero Galli
    Sottoscrivo questa petizione

vedi tutte le firme

Informazioni

Massimo MazzucchelliDa:
Business e AziendeIn:
Destinatario petizione:
Ministero dell'ambiente

Sostenitori ufficiali della petizione:
Impresecheresistono

Tags

ambiente, ecomafie, impresecheresistono, petizione, prestigiacomo, rifiuti, selex, sistri, smaltitori, trasportatori

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets